Pangea celebra San Valentino con un regalo speciale

La Fondazione dedica a tutti gli innamorati una tazza, oggetto-simbolo del vivere insieme, e con i fondi raccolti sosterrà i propri progetti solidali in giro per il mondo

di Chiara Caretoni

Pubblicato mercoledì, 5 febbraio 2014

Rating: 5.0 Voti: 2
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
La giornata che celebra simbolicamente l’amore tra innamorati è alle porte e sebbene la festa di San Valentino sia per lo più un appuntamento commerciale, la Fondazione Pangea regala la giusta occasione per ripristinare il valore e il significato originali della ricorrenza, senza scadere nel mero consumismo.

Per celebrare ogni forma d’amore, infatti, la Onlus dedica a tutte le coppie innamorate una tazza speciale che figura come il contenitore della nostra quotidianità condivisa e simboleggia l’impegno reciproco all’interno del vivere insieme.

Donando questo oggetto-simbolo alla nostra metà, supportiamo il progetto solidale di Pangea, che da anni garantisce istruzione, formazione professionale, educazione igienico-sanitaria e il rispetto dei diritti umani in contesti disagiati e fortemente minacciati dalle violenze: in Italia (dove la piaga degli abusi domestici è in crescita), in Afghanistan e in India. Qui la Fondazione cerca di rispolverare le radici nascoste dell’amore, realizzando per migliaia di donne e per le loro famiglie piani di sviluppo economico-sociale in grado di migliorare il futuro delle popolazioni.

Per acquistare la tazza singola è necessaria una donazione minima di 10 euro e per la coppia di tazze bastano 16 euro: non resta che andare sul sito della Fondazione e scoprire le modalità di acquisto e ricezione.

Perché per Pangea a San Valentino ogni amore vale.

 
Tag:  Fondazione Pangea Onlus, tazza, San Valentino, progetto solidale, amore

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni