The Man with the Mac. Torna Mr Brown for Haiti

Dopo il successo del cd Mr Brown Is Back in Town, Andrea Pellizzari ha realizzato un nuovo progetto discografico con e per i bambini haitiani, duramente colpiti dal sisma di esattamente tre anni fa, questa volta affiancato nientemeno che dalla Banda della Marina Militare Italiana!

di Carlotta Pistone

Pubblicato martedi, 29 gennaio 2013

Rating: 4.2 Voti: 5
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Quando è nata la bella e importante collaborazione a scopo benefico tra Mr Brown e la Fondazione Francesca Rava? E come mai Mr Brown ha deciso di dedicarsi proprio a questa iniziativa per aiutare i bambini di Haiti colpiti dal devastante terremoto del 2010?
E’ nata nel 2010, subito dopo il terremoto che ha devastato Haiti il 12 gennaio 2010, a una cena di raccolta fondi per aiutare il popolo Haitiano a cui ero stato invitato da Stefano Guindani, fotografo di moda che collabora con la fondazione da moltissimi anni.
Lì ho capito che dovevo fare qualche cosa in prima persona e quindi proposi alla Fondazione Francesca Rava NPH Italia onlus di realizzare un CD a scopo benefico. L’idea di utilizzare il personaggio di Mr Brown, però, era nata prima di tutto ciò, infatti nel cassetto tenevo da qualche mese una canzone realizzata insieme al produttore Sir Bob Cornelius Rifo (leader e produttore dei Bloody Beetroots). Quando ho conosciuto Mariavittoria Rava (presidente Fondazione Rava) e i volontari della fondazione, immediatamente ho capito che quella canzone (Mr Brown Is Back in Town) doveva diventare un CD per aiutare i bambini di Haiti.

Quali sono stati i risultati raggiunti grazie alla vendita del primo singolo, Mr Brown Is Back in Town, e quali sono invece gli obbiettivi che la Fondazione prevede di raggiungere con i proventi di The Man with the Mac?
Con il primo disco (60.000 copie vendute) abbiamo contribuito alla realizzazione di una Baby House, una casa accoglienza per bambini da 0 a 5 anni, orfani o in gravi difficoltà. La casa già accoglie 40 bambini ma ne può ospitare fino a 60.
Con il nuovo disco vogliamo contribuire alla costruzione di una casa accoglienza per 160 bambini orfani che ora vivono in container, e di una scuola/asilo per i bimbi più piccoli.

Caro Mr Brown ora mi piacerebbe che ci raccontassi qualcosa del nuovo singolo, dalla realizzazione del bellissimo video alle numerose e altisonanti partecipazioni in ambito musicale, tra cui quella della Banda Musicale della Marina Militare Italiana.

Dal 1983 al 2012, da The Cat Came Back di Harry Miller a The Man whit the Mac di Mr Brown . Come è stata scelta la canzone e in quale “chiave” l’avete rivisitata?
Il disco è una riedizione della celebre “The Cat Came Back” di Fred Penner e l’idea di farne il nuovo disco di Mr Brown è di Bob Rifo, il produttore. La banda musicale della Marina Militare ha suonato la base, mentre l’arrangiamento in chiave Rithm and Blues è stato realizzato dal direttore della banda, il maestro Barbagallo, su cui poi Mr Brown ha cantato assieme ai bambini dell’orfanotrofio di Kenscoff e al coro dell’International School of Milan e al Coro di voci bianche SS Pietro e Paolo di Gessate.
La collaborazione con la Marina militare è nata grazie all’amicizia tra La fondazione Francesca Rava NPH Italia e la Marina Militare instauratasi proprio durante il terremoto. Infatti, come base logistica a Port au Prince, la marina utilizzò l’ospedale St. Damien della fondazione, una delle poche strutture sanitarie rimaste in piedi dopo il sisma.
Per registrare la  canzone e il videoclip, Mr Brown è tornato ad Haiti a settembre 2012, grazie al contributo di Kaplan international colleges e Prodotti Stella, insieme a Marco Salom, il regista del bellissimo videoclip, Alfredo Bosco, fotografo dell’agenzia di Stefano Guindani, Cristian Mantovani, l’operatore e direttore della fotografia, e Philip O’Gara che ha scritto il testo della canzone con me.

Mr Brown, durante questa tua seconda esperienza a stretto contatto con i bambini haitiani e la realtà in cui vivono quotidianamente, qual è stato il momento più emozionante che hai vissuto? E quello più divertente?
Il momento più emozionante è stato entrare nella Baby House che abbiamo contribuito a costruire con il Cd Mr Brown Is Back in Town, venire accolti da i piccoli che vi abitano e trascorrere del tempo assieme a loro, ma anche ricevere il saluto con canti e balli organizzati in nostro onore da tutti gli altri bambini delle altre strutture di NPH ad Haiti.
I momenti più divertenti, invece, sono stati sicuramente a bordo della nave Italia su cui abbiamo realizzato parte del videoclip insieme a 15 bambini Haitiani, dal pappagallo che non voleva collaborare con Mr Brown e gli ha anche morso un orecchio, al momento in cui per girare delle scene di “tempesta” ci muovevamo tutti come ubriachi.
Su quella nave è nata un’amicizia con tutti loro che rimarrà nel mio cuore.

Dopo aver trascorso tanto tempo insieme ai bambini di Haiti c’è un messaggio, un pensiero che vorresti arrivasse a tutti i bambini italiani?
Sì, guardate questi bambini, i loro occhi, i loro sorrisi. Questi bimbi non possiedono nulla, ma sono felici anche solo con un abbraccio.

Il singolo è uscito a Novembre, in occasione della Giornata Mondiale dei Diritti per l’Infanzia e, se non ricordo male, il video l’avete girato a fine Settembre. Se puoi darci un’anticipazione, è già in cantiere un terzo progetto musicale?
Per il momento non ho ancora iniziato a ragionare sui nuovi progetti, ma capirò cosa fare quando sarà il momento giusto.

E infine la domanda delle domande: come e dove possiamo acquistare il nuovo cd di Mr Brown for Haiti, The Man with the Mac?
Il disco è uscito a Novembre e lo trovate in tutti i negozi di dischi e su itunes.


Per tutte le info: www.mrbrownforhaiti.org
Tag:  Mr Brown for Haiti, The Man with the Mac, Banda Musicale della Marina Militare Italiana, Fondazione Francesca Rava NPH Italia onlus, Baby House

Commenti

30-01-2013 - 09:32:50 - anonimo
Hai fatto un bellissimo articolo. Ornella
30-01-2013 - 10:38:00 - Carlotta
Grazie mamma ;-)
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni