Yes, I do! L’unica risposta possibile a prevenzione e ricerca

La Fondazione per il Tuo Cuore e ANMCO in una campagna sociale contro le malattie cardiovascolari

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Faresti tutto quello che è in tuo potere per prenderti cura delle persone che ami?
A questo interrogativo, con la volontà di aiutare il prossimo, risponde la campagna sociale «Yes, I do!», un’iniziativa a vantaggio della Fondazione per il Tuo Cuore - HFC Onlus, per la cura e la prevenzione delle malattie cardiovascolari.
 
Le epidemie del «XX secolo». Così vengono chiamate queste patologie che oggi, complici un’aspettativa di vita più ampia e comportamenti scorretti, costituiscono la causa primaria di morte nel mondo occidentale; ogni anno in Italia, circa 240.000 persone sono vittime di malattie cardiovascolari, un problema che può essere risolto solo tramite la ricerca e ladivulgazione di un corretto stile di vita.
 
Per questa ragione, la Fondazione per il Tuo Cuore HFC Onlus, presieduta dal Prof. Attilio Maseri, si impegna dal 1998 nella ricerca attraverso studi clinici, a livello internazionale, con la collaborazione di 843 Unità Operative di Cardiologia, 80 reparti di Medicina Interna, 40 Divisioni di Diabetologia sul territorio nazionale.
Grazie alla coordinazione della rete resa possibile dal Centro Studi ANMCO (Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri), si è riusciti a portare avanti la sperimentazione in tutti i suoi aspetti, mantenendo un collegamento diretto con medici e infermieri dei diversi poli ospedalieri, affinché i risultati siano nell’immediato acompleta disposizione dei pazienti
 
Con finalità di prevenzione e solidarietà sociale, la Fondazione si occupa dell’aspetto divulgativo – soprattutto tra i giovani, per il rischio causato da fumo e alimentazione scorretta – e del progresso in ambito scientifico seguendo diversi aspetti, dall’ ottimizzazione del rapporto costo e beneficio dell'intervento del Servizio Sanitario Nazionale, ad una valutazione severa e professionale dei progetti di ricerca e  delle borse di studio, per garantire risultati d’eccellenza, sotto la supervisione della Direzione scientifica.
 
Le parole d’ordine, dunque, sono formazione,istruzione ericerca. E, grazie alle campagne di sensibilizzazione e raccolta fondi, con il sostegno della Rai e del 61° Festival di Sanremo, quest’anno è stato possibile raggiungere obiettivi importanti; come raccogliere 2.600.000 euro - circa 1.170.000 euro solo nel 2011 -, erogare borse di studio, devolvere 96.700 euro per la BioBank e finanziare progetti di ricerca per Gissi Outliers, in merito ai fattori rischio e aterosclerosi, rimodellamento ventricolare post infarto e ricerca biomolecolare su frammenti ottenuti durante interventi di cardiochirurgia.
 
Ma la Fondazione investe anche sul futuro, infatti ha già posto i prossimi traguardi nell’analisi delle causedeterminanti di instabilità coronarica con relative reversibilità e scompenso cardiaco idiopatico.

La campagna sociale «Yes, I do!» rappresenta la volontà di dire sì alla vita, contribuendo con donazioni effettuabili presso tutte le filiali della Banca Popolare di Vicenza. Con questo gesto di solidarietà sociale, a fronte di un contributo di almeno 10 euro, sarà possibile ricevere uno scaldamani a forma di cuore, legato simbolicamente allo slogan della Fondazione «Dammi il Tuo cuore. Ne avrò cura».
Un progetto che nella ricerca di una terapia per la malattia, si prende cura prima di tutto del malato.  


La campagna si concluderà a marzo 2012
Con Banca Popolare di Vicenza, Banca Nuova, ANMCO e Fondazione per il Tuo Cuore - HCF Onlus

www.yesidoconilcuore.it

www.periltuocuore.it

 
Tag:  Fondazione Per il Tuo Cuore HFC Onlus, Banca Popolare di Vicenza, Rai, 61° Festival di Sanremo, scaldamani, malattie cardiovascolari, ricerca scientifica, Attilio Maseri, ANMCO

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni