Antonino Cannavacciuolo

Direttamente dall'edizione 2011 di Identità Golose, Intervista enogastronomica liberamente ispirata al gioco di Proust con i migliori talenti della cucina.. stellati e in erba

di Anna Battaini

Pubblicato martedi, 25 ottobre 2011

Rating: 0.0 Voti: 0
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Foto Brambilla - Serrani courtesy of Identità Golose
Qual è il tuo primo ricordo legato al cibo?
La pizza del forno

Qual è la caratteristica principale del tuo carattere?
Buono.

Qual è l'ingrediente che usi di più in cucina?
Tutti, ma in assoluto l'olio.

E quello che cerchi di usare il meno possibile?
Evito gli ingredienti non seri, che hanno solo il nome da ingredienti, ma ingredienti non sono. Tipo il finto tonno..

Quando non cucini qual è la tua attività preferita?
Pesca, anche in apnea.

Se potessi riportare in vita uno chef scomparso e farti regalare una ricetta, chi  sceglieresti?
Beh, ce ne sono tanti. Potrei riportare in vita Escoffier.

Qual è il tuo motto?
Caffè doppio la mattina, altrimenti non parte la giornata.

Quale consideri il tuo più grosso successo?
Aver fatto bene il mio lavoro in una regione non mia, come il Piemonte.

Il momento più felice della tua vita?
La nascita di mia figlia Elisa.

Per quale personaggio storico avresti voluto cucinare?
Ho avuto la fortuna di poter cucinare per una leggenda storica che è stato Maradona. Una persona che ha dato molto a un paese pieno di problemi e negli anni d'oro ha saputo far ridere tanta gente; per noi napoletani sono stati anni veramente di felicità. Sarei contento di poter cucinare ancora per lui e lo farei con il cuore pieno di gioia.

A quale avresti volentieri aggiunto un pizzico di veleno nel piatto?
No. Non vado a rovinare un mio piatto per uno stronzo! (ndr.: risposta fantastica)

La tua più grossa stravaganza?
Io sono abbastanza con i piedi per terra, ma quello che a noi tocca spesso fare è andare avanti per due o tre giorni senza poter dormire, allora vado avanti a redbull e caffè doppio.

La cucina è una forma d'arte, parlando di altre forme d'arte, chi è il tuo pittore favorito?
Picasso.

E il compositore?
Mozart, perchè ti apre la mente quando l'ascolti, ti rilassa e ti aiuta. Stavo leggendo un libro sullo sviluppo e la crescita dei bambini in cui si dice che facendogli ascoltare Mozart il loro sviluppo ne trae un enorme beneficio perchè stimola il loro lato creativo.

L'ultimo libro che hai letto?
L'ultimo che mi hanno regalato è "Lo chef è un dio". Ma ne ho letto solo poche pagine perchè non mi è piaciuto e ho deciso di lasciarlo perdere.

Quale tema musicale potrebbe essere la colonna sonora della tua vita?
We are the Champions.

Un sogno nel cassetto?
Un altro figlio.

Le donne passano ore e ore in cucina nell'arco della loro vita, eppure gli chef più famosi del mondo sono da sempre quasi tutti uomini. Sai dirmi perché?
Io credo che se l'alta cucina in Italia è ai livelli che ha raggiunto in questi anni, molto lo dobbiamo anche alle nostre mamme e alle nostre nonne. Sono certo che la mano delle donne in cucina si sente, più che quella degli uomini.

Hai mai usato la cucina come arma di seduzione?
Non proprio come arma di seduzione, ma tutte le volte che mi sono messo ai fornelli in casa per gli amici ho fatto sempre colpo.

Quindi anche se in modo involontario ha funzionato?
Funziona, funziona.

Regaleresti una ricetta ai lettori rosa shokking?
Tag:  Antonino Cannavacciuolo, risotto carnaroli cru dosso con zafferano- ricci di mare e salsiccia di bra, Villa Crespi, Chef, Identità Golose

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni