Gianluca Fusto

Direttamente dall'edizione 2011 di Identità Golose, Intervista enogastronomica liberamente ispirata al gioco di Proust con i migliori talenti della cucina.. stellati e in erba

di Anna Battaini

Pubblicato giovedì, 31 marzo 2011

Rating: 4.5 Voti: 4
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Foto Brambilla - Serrani courtesy of Identità Golose
Qual è il tuo primo ricordo legato al cibo?
I gnocchi della mamma

Qual è la caratteristica principale del tuo carattere?
Espansivo, ma proprio un pochino.. poco poco (ndr.: ride)

Qual è l'ingrediente che usi di più in cucina?
Il Cioccolato

E quello che cerchi di usare il meno possibile?
Il peperoncino

Quando non cucini qual è la tua attività preferita?
Dormire ( ndr.: e scoppia a ridere di nuovo) Ma anche viaggiare.

Se potessi riportare in vita uno chef scomparso e farti regalare una ricetta, chi  sceglieresti?
Artusi, parliamone! Lo invitiamo a cena? Però fai te il dolce.. prometto che se viene male non ti giudico!

Qual è il tuo motto?
Evitare gli errori, quando è possibile.

Quale consideri il tuo più grosso successo?
Avere tanti amici che mi stanno vicino

Il momento più felice della tua vita?
Qualche giorno fa quando ho portato i colori dell'Italia sul podio.. al primo posto! (ndr.: si riferisce ai campionati mondiali juniores di pasticceria dove la squadra allenata da Gianluca ha sbaragliato Francia e Corea del Sud)

Per quale personaggio storico avresti voluto cucinare?
Napoleone, ma anche Giovanna d'Arco

A quale avresti volentieri aggiunto un pizzico di veleno nel piatto?
Qualcuno ci sarebbe, ma in fondo io sono buono.. dai meglio non dirlo, faccio il pasticcere e ho l'animo dolce!

La tua più grossa stravaganza?
Essere me stesso

La cucina è una forma d'arte, parlando di altre forme d'arte, chi è il tuo pittore favorito?
Kandinsky

E il compositore?
Bach

L'ultimo libro che hai letto?
"Chimica e fisica applicata ai grassi", e "La composizione degli zuccheri". Devo essere sincero, no? (ndr.: scoppia a ridere di fronte alla mia espressione perplessa. Una cosa che adoro in Gianluca è che spesso non si capisce se sia serio o ti stia prendendo in giro)

Quale tema musicale potrebbe essere la colonna sonora della tua vita?
Mi conosci, prova a dirlo tu! (ndr.: ride lanciando la sfida.. Ci ho pensato e ripensato, direi un giusto mix tra "I got a feeling" dei black eye peas e "Divenire" di Einaudi, ma ci vedrei bene anche "Dance of the Knights" dal Romeo and Juliet di Prokofiev. Chissà se per una volta riesco a stupirlo io?!) 

Un sogno nel cassetto?
Aprire una pasticceria

Le donne passano ore e ore in cucina nell'arco della loro vita, eppure gli chef più famosi del mondo sono da sempre quasi tutti uomini. Sai dirmi perché?
Non penso che sia vero perchè in Italia ci sono delle grandi donne che fanno della grande cucina. Ti dico che quando scopri il genio donna è veramente diverso, come visione, come creatività, come arte. Forse perchè fino a qualche anno fa era un lavoro considerato troppo duro. Negli ultimi decenni hanno capito, comunque, che è un bellissimo lavoro e si stanno facendo strada a poco a poco. Da qui a vent'anni per me ci saranno solo donne.

Hai mai usato la cucina come arma di seduzione?
Sei troppo curiosa! Diciamo così, una volta sono stato io ad essere sedotto con un dolce ad Identità Golose, ma non faccio nomi.

Ha funzionato?
Quando mi hanno sedotto? Alla grande, per due anni.

Regaleresti una ricetta ai lettori rosa shokking?
Certo! Una ricetta con il cioccolato, il "3C al quadrato"
Legga più: 3C al Quadrato
Tag:  Gianluca Fusto, Identità Golose, Gianluca Fusto Consulting, 3C al Quadrato, Chef

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni