Sat Bains

Direttamente dall'edizione 2011 di Identità Golose, Intervista enogastronomica liberamente ispirata al gioco di Proust con i migliori talenti della cucina.. stellati e in erba

di Anna Battaini

Pubblicato giovedì, 24 marzo 2011

Rating: 4.5 Voti: 2
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Foto Brambilla - Serrani courtesy of Identità Golose
Qual è il tuo primo ricordo legato al cibo?
Essere seduto intorno alla tavola. Per la cultura indiana il rito dello stare a tavola è molto importante, è insito nella nostra natura. Condividere il cibo in famiglia è probabilmente il mio primo ricordo.

Qual è la caratteristica principale del tuo carattere?
Monello

Qual è l'ingrediente che usi di più in cucina?
Non ho un ingrediente favorito, ma mi piacciono gli ingredienti non comuni, le cose che hanno ancora un lato oscuro e spero possano fornire un valore aggiunto dal punto di vista gastronomico.


E quello che cerchi di usare il meno possibile?
Tutti gli ingredienti non di stagione

Quando non cucini qual è la tua attività preferita?
Mi piace giocare a squash, fare sollevamento pesi e mangiare fuori. Amo mangiare fuori, sedermi a tavola, andare al ristorante. Mi piace andare nei ristoranti sapendo che in quel momento non sono lo chef ma sono un cliente, è una sensazione che mi piace moltissimo. Io riesco a "staccare", molti chef non ci riescono, ma io sì.

Se potessi riportare in vita uno chef scomparso e farti regalare una ricetta, chi sceglieresti?
Questa è una domanda difficile. Probabilmente qualche chef cinese di molto tempo fa, tipo l'inventore dei ravioli al vapore, o di qualche altro piatto particolare.

Qual è il tuo motto?
Cerca di essere sempre il più onesto possibile.

Quale consideri il tuo più grosso successo?
Avere un ristorante, il mio sogno. Lavorare nel mio ristorante e mantenerlo florido. Io penso che mandare avanti un'attività in un periodo di recessione sia un bene perchè ti rende più forte e più aggressivo nel modo in cui gestisci la tua attività.

Il momento più felice della tua vita?
Ce ne sono stati parecchi, ma non me ne viene in mente nessuno in particolare. Non mi piace guardare al passato, non è nel mio carattere farlo. Mi piace guardare avanti e andare avanti perchè non voglio celebrare qualcosa che è già trascorso.

Per quale personaggio storico avresti voluto cucinare?
Per nessuno. Non è nella mia natura.

A quale avresti volentieri aggiunto un pizzico di veleno nel piatto?
Anche questa è una domanda difficile, non mi viene in mente nessuno in particolare

La tua più grossa stravaganza?
La generosità

La cucina è una forma d'arte, parlando di altre forme d'arte, chi è il tuo pittore favorito?
Mi piace Mark Rothko, ma anche Jackson Pollock. Amo Dalì, sì il mio favorito è Dalì.

E il compositore?
Prince
 
L'ultimo libro che hai letto?
Ho preso in prestito da mia moglie "Il libro dei sogni" e ne ho lette due pagine. E' un libro strano.

Quale tema musicale potrebbe essere la colonna sonora della tua vita?
L'hip-hop degli anni '80. Quello è il periodo della mia vita in cui mi sono innamorato della musica. Quindi tutta la musica hip-hop di quell'epoca.

Un sogno nel cassetto?
Ma se è un sogno segreto non te lo posso certo rivelare! (ndr. ride)

Le donne passano ore e ore in cucina nell'arco della loro vita, eppure gli chef più famosi del mondo sono da sempre quasi tutti uomini. Sai dirmi perché?
E' un motivo puramente biologico. E' solo perchè quando le donne decidono di avere dei figli poi devono dedicarsi alla famiglia. E' sempre successo nel corso della storia. Ci sono delle chef donne fantastiche in giro che fanno scomparire gli chef uomini, ma quando decidono di crearsi una famiglia sono obbligate a lasciare la cucina.

Hai mai usato la cucina come arma di seduzione?
Certo, con mia moglie.

Ha funzionato?
Ha funzionato. (ndr. ride)

Regaleresti una ricetta ai lettori rosa shokking?
Certo, vi regalo quella della Guancia di manzo Brasata
Tag:  Sat Bains, Identità Golose, Restaurant Sat Bains, Guancia di Manzo Brasata, Chef

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni