Citadel di Ciaran Foy

Hanno ucciso tua moglie e rapito tua figlia... ora basta!

di Andrea Tonetti

Pubblicato mercoledì, 3 aprile 2013

Rating: 5.0 Voti: 4
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Dopo aver assistito all'aggressione della moglie incinta da parte di un gruppo di ragazzini incappucciati, il giovane Tommy, si ritrova vedovo e padre.

A causa di quanto accaduto, il ragazzo ha sviluppato una violenta forma di agorafobia, per cui vive con la figlia come un recluso.

Iniziata un'amicizia con un'infermiera che ha conosciuto in ospedale, Tommy comincia a uscire con lei e la bambina. Ma i ragazzini incappucciati tornano e uccidono anche l'infermiera.

Tommy viene in contatto con un prete e il figlio non vedente. Questi gli spiega che i ragazzini colpevoli delle sue sofferenze vivono tutti in un palazzo non molto distante. I due, con il figlio cieco, si recano al palazzo per sterminare tutti i cattivi e scoprono che ciò che vogliono da Tommy è la sua bambina.

Citadel è un horror irlandese a basso costo che ha vinto moltissimi premi.

Personalmente penso che il regista, per ambientazioni e per idea di base, sia partito dal video di Aphex Twin, Come to daddy. L'idea dei ragazzini cattivi, omicidi e violenti era ben presente nel videoclip, come anche l'ambientazione post-atomica.

Con un uso della camera e dei suoni di un livello superiore, riesce a terrorizzare senza mostrare quasi mai né la violenza né chi la perpetra.

Bella anche l'idea che i cattivi ti sentono solo se hai paura, fatto che genera momenti di altissima tensione.

Con un semi lieto fine, Citadel regge per tutti i suoi 80 minuti, regalando ai fan del genere un gioiellino capace di mettere in ombra anche film ben più famosi.


Citadel
Regia di Ciaran Foy

Con: James Cosmo, Aneurin Barnard, Amy Shiels, Wunmi Mosaku
Genere: Horror
Durata: 84 min
Prodotto: 2012, Irlanda e GB

Tag:  Citadel, Ciaran Foy, horror, tensione, basso costo

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni