Il sale della Terra di Wim Wenders e Juliano Ribeiro Salgado

Documentario su uno dei fotografi “socialmente” più significativi. Il sacrificio di un uomo votato alla sua professione

di Andrea Tonetti

Pubblicato venerdì, 30 gennaio 2015

Rating: 0.0 Voti: 0
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
La vita e le opere di Sebastiao Salgado, fotografo brasiliano residente a Parigi.

Attraverso le sue fotografia e i suoi racconti, scopriamo la vita di un uomo in viaggio perenne alla ricerca dei reietti del mondo.

La sua depressione, dovuta alle troppe ingiustizie testimoniate, lo porterà a tornare dove tutto era iniziato e a cominciare una nuova vita.

Wim Wenders, affascinato dalle fotografie di Salgado, ha deciso, con il figlio di questi, di girare un documentario sulla vita del famoso fotogrado brasiliano.

Partendo dalle origini e dalla nascita della passione per la fotografia, veniamo accompagnati nei luoghi più impervi del mondo, dall’Africa all’Antartide, seguendo popolazioni poverissime, la carestia, la guerra del Rwanda, la fame in Etiopia e i leoni marini in Siberia.

Un film-non-film quasi tutto in bianco e nero, girato con il solito stile noioso di Wenders, che è forse il suo film migliore. Solo per appassionati del genere e conoscitori del “protagonista”.

Qui sotto alcune foto di Salgado.

        
 
 
IL SALE DELLA TERRA
Titolo Originale: The Salt of the Earth

Genere: Documentario
Durata: 110 min
Nelle sale italiane: giovedì 23 ottobre '14

Tag:  Il sale della Terra, Wim Wenders, Juliano Ribeiro Salgado, Sebastiao Salgado, documentario

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni