La spia - A most wanted man di Anton Corbijn

L'ultima occasione per apprezzare le capacità di cui il cinema è stato privato troppo presto

di Andrea Tonetti

Pubblicato mercoledì, 5 novembre 2014

Rating: 5.0 Voti: 3
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Günther Bachmann è un agente segreto con base ad Amburgo.

Ligio al dovere e tutto d'un pezzo si mette sulle tracce di Issa Karpov, un ceceno convertito all'Islam, appena arrivato ad Amburgo.

Bachmann sospetta che Issa stia pianificando un attentato.

In realtà il ragazzo, rifugiatosi grazie ad un avvocato, vuole disfarsi dei soldi accumulati dal padre facendo una donazione ad una serie di organizzazioni umanitarie, tramite il Dottor Abdullah e il banchiere Tommy Brue.

La squadra di Bachmann cattura e mette sotto sorveglianza l'avvocato di Issa e il banchiere Brue convincendoli a collaborare.

Effettivamente Issa vuole solo liberarsi dei soldi, che vive come un peso a causa del losco passato del padre, e il pesce grosso è il Dottor Abdullah.

Tutto sembra andare per il meglio, ma Bachmann e la sua squadra dovranno fare i conti con lo spionaggio americano, molto più determinato di loro nell'isolare qualsiasi sospetto di terrorismo.

Preceduto da un trailer tutto incentrato su "l'ultima magistrale interpretazione di Philip Seymour Hoffman", La Spia arriva nelle sale italiane questa settimana.

C'è da dire che Hoffman, in passato, ha fatto molto meglio di così e che il film, proprio per l'argomento trattato, risulta lento e pesante esattamente come il lavoro svolto dalle spie.

Questo perché le spie di questo film non sono spie in action, ma un gruppo di controllori che vivono di appostamenti, intercettazioni e pedinamenti.

Nonostante il loro compito, difficile e pericoloso, riescono anche ad essere umane; sicuramente più umane dei loro corrispettivi americani e britannici, sempre in cerca dello scoop e dell'ennesimo musulmano sospetto da spedire a Guantanamo.

Un cast stellare su cui spiccano il già citato Hoffman e un ottimo, come sempre, Willem Dafoe, ormai presente in un film su tre.

Pienamente consigliato agli amanti del genere, fans di La Talpa e Munich e lettori di LeCarré. Tutti gli altri rischiano la noia e gli sbadigli, soprattutto se cercano azione e sparatorie.

120 minuti sono forse troppi, anche se una volta giunti i titoli di coda lo spettatore potrebbe desiderarne ancora, se non altro per sapere come va a finire la storia.

Un'uscita senza botto per uno degli attori migliori degli ultimi 10 anni.


La spia 
Regia di Anton Corbin
Titolo originale: A most wanted man
CastPhilip Seymour Hoffman, Robin Wright, Rachel McAdams, Willem Dafoe, Daniel Brühl
Genere: Thriller
Durata: 122 min
Nelle sale italiane: da giovedì 30 ottobre '14

Tag:  Philip Seymour Hoffman, Robin Wright, Rachel McAdams, Willem Dafoe, Daniel Brühl, La spia, A most wanted man, Anton Corbin

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni