Love is strange di Ira Sachs

Storia di un amore omosessuale narrata con delicatezza, attenzione e critica sociale

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Dopo 39 anni insieme, Ben e George possono finalmente sposarsi grazie alla nuova legge in vigore nello stato di New York. Ben è in pensione ma George lavora ancora in una scuola cattolica. I vertici dell’istituto, appreso che George non solo è gay ma si è anche sposato, lo licenziano. A causa della perdita del lavoro, i due sono costretti a lasciare l’apparamento in cui abitano e a vivere come ospiti a casa di parenti o amici. Ben si trasferisce a casa di una coppia di poliziotti gay, mentre George va dal nipote Elliot, che vive con il figlio e la moglie. Non abituati a essere separati, attraverseranno una profonda crisi durante la difficile ricerca di una lavoro e di una nuova posto in cui abitare. La burocrazia e l’età non più giovane non faciliteranno la loro già difficile situazione.

Alfred Molina, britannico, e John Lithgow, americano, danno vita in questo film ad una strana coppia di omosessuali; quel gruppo di gay di cui nessuno parla mai: gli anziani. Perché nell’immaginario collettivo i gay sono sempre giovani, come le drag queen.

La tenerezza dell’amore che da tanti anni provano l’uno per l’altro arriva allo spettatore con una forza che poche altre volte si è vista in un film, così come la loro ricerca di un posto in cui vivere diventa la ricerca di chi guarda: George e Ben diventano amici di chi assiste, impotente, alla loro piccola odissea.

Love is strange è il primo film che vedo su questo argomento e devo dire che, anche per assenza di paragoni, l’ho trovato estremamente delicato e profondo. I due protagonisti sono a dir poco perfetti nel loro essere gay con classe, irreprensibili e insospettabili, forti della loro consapevolezza e oppressi da burocrazia e pregiudizi, che non crollano nemmeno quando lo esige la legge, se la legge non è quella di Dio.

Indimenticabile il dialogo tra Ben e il prete della scuola cattolica in cui insegna, perché specchio di una realtà quotidiana in tutto il mondo, Stati Uniti compresi.

Brava e bella, nonostante gli anni, Marisa Tomei.

Un film che è passato inosservato, purtroppo, nelle sale italiane ma che vi invito a recuperare in DVD.

Titolo inspiegabilmente tradotto con I toni dell’amore. Mah!


I toni dell'amore - Love is strange
regia di Ira Sachs

Cast: John Lithgow, Alfred Molina, Marisa Tomei, Charlie Tahan, Cheyenne Jackson
Genere: Drammatico
Durata: 94 min
Nelle sale italiane da: giovedì 20 novembre '14

Tag:  I toni dell'amore, Love is Strange, Ira Sachs, John Lithgow, Alfred Molina, Marisa Tomei, amore omosessuale, New York, pregiudizi

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni