Vita di Pi di Ang Lee

L'originale e pericoloso passaggio alla vita adulta in un film poetico e sorprendente

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Piscine Molitor Patel è un bambino indiano che vive con la madre, il padre e il fratello. Stanco di essere preso in giro per il suo nome, decide di abbreviarlo in Pi.

Affascinato dalle religioni, decide di diventare contemporaneamente cattolico, musulmano, induista e buddista.

Proprio quando sta per conoscere l'amore, il padre comunica che il circo di sua proprietà, si trasferirà negli Stati Uniti in cerca di fortuna.

Durante la traversata dell'Oceano, la nave su cui viaggiano affonda e Pi riesce a salvarsi saltando su un scialuppa. Non è solo però, perché sulla scialuppa ci sono anche una Zebra ferita, un Orango, una Jena e la grossa tigre del Bengala che ha nome Richard Parker.

Dopo aver mangiato gli animali, la tigre cerca di mangiare anche Pi, il quale costruisce una zattera di sicurezza per sfuggire al grosso felino.

Capisce che per sopravvivere dovrà nutrire Richard Parker con il pesce pescato. I due cercheranno di convivere in maniera pacifica fino al momento in cui riusciranno ad arrivare sulla terra ferma.

Con 11 Nomination e 4 Oscar vinti, Vita di Pi è diretto da un Ang Lee in piena forma.

Partendo da un bestseller internazionale, il film racconta la storia di un ragazzo che ha perso tutto e cerca di conservare quel poco che gli è rimasto.

La sceneggiatura, nonostante sullo schermo si veda praticamente solo un essere umano per la maggior parte del tempo, riesce a tenere alta la tensione e a non annoiare lo spettatore. Gli effetti speciali sono meravigliosi, così come il suono e la fotografia.

Tutto il racconto assume un significato diverso, metaforico e forse reale nel racconto che Pi fa agli agenti dell'assicurazione.

Meraviglioso e onirico l'episodio sull'isola a forma di essere umano, infestata dai lemuri e dalle piante carnivore.

Quale dei due racconti è vero? Forse tutti e due, forse gli animali sono solo la metafora di qualcosa di più grande.

Un bel film, forse un po' lungo, ma assolutamente indimenticabile.

Cameo di Gerard Depardieu.


Vita di Pi
Regia di Ang Lee

Con: Suraj Sharma, Irrfan Khan, Tabu, Rafe Spall, Gérard Depardieu
Genere: Avventura
Durata: 127 min
Nelle sale italiane: 20 dicembre '12

Tag:  Vita di Pi, Ang Lee, tigre del Bengala, sopravvivenza, Oscar

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni