Dj Karin De Ponti in consolle 

Ama la musica ed è appassionata di cinema, infatti la nostra ospite di questa settimana fa sia la dj e produttrice musicale che l'attrice. Quando mette i dischi in consolle, poi, trasmette energia positiva al suo pubblico, tanto da potersi definire una 'medium di good vibes'

di Karin Tononi

Pubblicato sabato, 4 febbraio 2012

Rating: 3.4 Voti: 10
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Karin De Ponti è conosciuta come dj, attrice e produttrice di musica dance/house. Attualmente suona soprattutto nell’ambito di eventi e si dedica al lavoro di attrice, che è anche la sua passione. Vive la consolle ogni volta come un'esperienza di vita nuova. I portafortuna a cui non sa rinunciare sono il suo spirito, la sua anima e la sua energia! Karin De Ponti oggi più di prima è appassionata di cinema e recitazione e per quanto riguarda la consolle l'importante per lei è avere il soul nel sangue, sentire le vibrazioni positive del mondo, della natura e trasmetterle agli altri attraverso la musica. Per questo si definisce: medium di good vibes!
I nostri pensieri formano la nostra realtà, pensare alla positività e alla felicità crea il mood della mia vita. Ecco perché cerco di fare tutto ciò che mi fa stare bene”.


Karin vs Karin De Ponti

Karin: Ciao Karin, come hai iniziato il tuo percorso da dj?
Karin De Ponti: La passione in me è nata quando avevo 14 anni. Dopo aver acquistato il primo mixer, grazie a un amico, ho avuto l'occasione di entrare in una casa discografica, la Media Records, così ho prodotto i miei primi dischi e ho cominciato a suonare con piatti e mixer.

K: Quanto tempo hai impiegato per imparare questo mestiere? Cosa significa per te fare la dj?
KDP: Un po' di anni, se vogliamo parlare del vero lavoro da dj, in senso, direi, ‘storico’ del termine. Fare la dj è un'arte. Infatti oggi in tantissimi pensano di essere o di poter diventare dj, ma la maggior parte di loro non sanno cosa stanno facendo. Ènecessario entrare in questo mondo, viverci, ricercare musica, sognare con lei, avere una cultura musicale, ma anche un proprio background. Funziona un po' come per gli attori, ossia più passa il tempo, più si matura e si impara il mestiere, arrivando a capire qual è il vero percorso della propria vita. Non è un lavoro 9.00 – 17.00, non dà sicurezza economica, ma libertà e l’opportunità di seguire la nostra anima e la nostra energia. Oggi è cosa rara poter continuare a seguire i desideri della vita.

K: Qual è stato il primo cd/vinile che hai acquistato?
KDP: Il miei primi vinili sono stati: S-Express e dopo due settimane Bomb the Bass.

K: Quali sono le maggiori difficoltà che hai riscontrato facendo la dj?
KDP: Sono stata una delle prime donne in una casa discografica di grandi dj uomini, di cui qualcuno ha creduto in me, mentre altri pensavano non fosse possibile che “una” senza l’esperienza in discoteca alle spalle facesse dischi con un successo di pubblico anche all'estero.

K: Hai suonato con altre donne dj? Con chi ti sei trovata particolarmente bene?
KDP: Si, con Manuela Doriani, ed è veramente forte!

K: Hai o pratichi qualche rito prima di iniziare a suonare? 
KDP: Si, rimango in silenzio e al buio per qualche minuto, se posso sto sdraiata. Èuna sorte di rilassamento per la mente e il corpo.

K: Oltre che dj/producer donna, in quale altro ruolo ti senti o ti sentiresti a tua agio? Donna in cucina, shopping addicted, madre, donna amante di motori o di sport estremi, donna da sposare…
KDP: Oggi mi sento più attrice, sia da un punto di vista lavorativo sia a livello di passione personale. Fare l’attrice porta le mie emozioni al massimo e poi riesco ad analizzarle. Questo mi piace e penso sia importante anche nella vita in generale: “sentire” tutto.

K: Quanto è importante per te il look quando suoni?
KDP: Trovo che sia importante, ma sono molto in controtendenza. Vesto infatti in modo sobrio.

K: Dove ti piace fare shopping?
KDP:  Mi piace fare shopping all'estero, mi sento più a casa.

K: Con quale mezzo preferisci viaggiare?
KDP: Con l'aereo, così vedo tanti film!

K: A questo punto ti chiedo di consigliarci 5 brani da mettere nell'ipod per il tuo lato da dj, e per il tuo lato di attrice e amante del cinema 5 film:
KDP: Benissimo, allora non posso rinunciare a citare 6 film...

FILM:
“The girl with the dragon tattoo - Uomini che odiano le donne” regia di David Fincher (2011  coming up)
“Perfect sense” regia di David Mackenzie (2011)
“Somewhere” regia di Sofia Coppola (2010)
“Scenes from a marriage” regia di Ingmar Bergman (1973)
“Pope Joan” regia di Sönke Wortmann (2009)
“The lord of the rings – Il Signore degli Anelli” regia di Peter Jackson (2001)

KDP: Ed ecco le canzoni, buon ascolto!

SONGS:
Karin De Ponti “I am the moon” Chris IDH rmx ( 2011 - dance)
Elijah Collins & Tee J “I used to feel alright” (2012 - funky)
Les Loups “Disceaux” (2011 - deep/house)
Hotbox “Move the groove” (2012 – funky/nu-disco)


Karin De Ponti nel web:
Tag:  Karin De Ponti, dj donna, attrice, produttrice musicale, dance/house, good vibes

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni