Simona Faraone in Consolle Rosa Shokking

Ospite della nostra rubrica dance una veterana della consolle, nelle cui vene scorre la musica elettronica, il genere che suona dalla fine degli anni '80, mixando i suoi dj-set con importanti esperienze editoriali nel settore e progetti di ampio respiro artistico

di Karin Tononi

Pubblicato sabato, 14 aprile 2012

Rating: 4.6 Voti: 17
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Simona Faraone è nata a Roma e vive a Firenze. Suona dal 1987 il suo genere musicale: “In generale rientro nella scena della musica elettronica e mi piace contaminare il mio dj set con altri generi. Il mio background è comunque la musica nera e la mia attitudine techno è legata alla scena musicale di Detroit.
Vive la consolle sempre con entusiasmo: “Se dovessi annoiarmi cambierei attività”.
Il suo portafortuna è… la musica di qualità!
Ama il cinema, i fumetti, l’arte, la fantascienza, lo spazio. Nelle persone le piace la schiettezza, mentre non sopporta i conformisti: “Sono una radical!”

Karin vs dj Simona Faraone

Karin: Ciao Simona, come hai iniziato il tuo percorso da dj?
dj Simona Faraone: Diciamo che ero predestinata a fare la dj. Mi è sempre piaciuta la musica e mi sono ritrovata a fare naturalmente questa professione nel 1987, ma avrei iniziato anche molti anni prima, se me lo avessero consentito….

K: Dai tuoi inizi il numero delle donne dj in consolle è sicuramente aumentato, cosa ne pensi e cosa suggerisci a una ragazza che sta pensando di intraprendere questo mestiere?
dj Simona Faraone: Mi ritengo innanzitutto un dj, non una dj-donna. Quello che potrei consigliare a una ragazza è la stessa cosa che suggerirei a un ragazzo. Non vedo dove sia la differenza. Prioritaria è l’attitudine: se uno ce l’ha va bene, altrimenti meglio non cimentarsi in un’attività solo per moda o per altri bizzarri motivi.

K: Quali sono le maggiori difficoltà che hai riscontrato nella tua carriera?
dj Simona Faraone: Le difficoltà sono sono le stesse che si incontrano spesso in una mestiere competitivo come quello del dj o come tanti altri mestieri legati al mondo dell’arte e dello spettacolo. Sono mondi affascinanti, ma anche effimeri e bisogna star sempre con i piedi ben saldi nelle proprie convinzioni e certezze.

K: Il tuo dj-set che non dimenticherai mai? Perche?
dj Simona Faraone: ...Mah… ce ne sono diversi, legati a esperienze importanti nei vari passaggi della mia carriera: l’emozione di suonare davanti a migliaia di persone quando militavo nella scena rave romana dei primi anni novanta, alcuni dj set memorabili che ho fatto in club che per me sono stati determinanti… è difficile sintetizzare, sinceramente.

K: I tuoi piatti preferiti:
dj Simona Faraone:
da cucinare: Non sono molto brava come cuoca, però adoro mangiare bene
da suonare: Technics! Sempre e solo Technics! Unici e indistruttibili.
da mangiare: Adoro i primi piatti, la cucina mediterranea, i dolci, mi concedo anche incursioni in cucine etniche diverse, mi piacciono i sapori piccanti, le spezie.

K: Cosa ti concedi per il tuo benessere?
dj Simona Faraone: Sport e una sana alimentazione, massaggi, relax quando è possibile.

K: Una donna che ammiri particolarmente? Perché?
dj Simona Faraone: L’attrice francese Catherine Deneuve, donna dal fascino unico e inconfondibile. Anche la mitica attrice Anna Magnani, per l’indiscutibile personalità, la bellezza e la sua bravura.

K: Spazi tra vari progetti musicali, hai qualche novità imminente per quest'anno?
dj Simona Faraone: Mi piace essere attiva su più fronti. In passato ho avuto delle importanti esperienze editoriali nel ruolo di addetta del settore collaborando per riviste come HOT, R360. Time Out Roma, Revolt, Web. Presto mi cimenterò nuovamente con qualcosa di nuovo nel settore della comunicazione. Da più di un anno sto seguendo un mio progetto sperimentale che spero di concretizzare.. Si tratta di un progetto in cui musica, arte e visual interagiscono, sul tema dello spazio e del rapporto tra l’uomo (come macchina) e il cosmo. Lo scorso anno ho anticipato questo progetto con una perfomance : “I am sequenced in space”, ispirata anche al titolo di un album di Klaus Schulze, esponente e pioniere di un certo modo di intendere la musica elettronica. Divulgherò tutto, quando sarà pronto.

K: Puoi consigliarci 10 brani da ascoltare?
dj Simona Faraone: Vorrei consigliarvi degli album interi, eccoli:

JEFF MILLS  “Metropolis”( 2000 - techno /electronic)
JEFF MILLS “Three Ages” (2004 - techno)
JEFF MILLS “Something in the sky” ( 2009/2012 - techno)
ASH RA TEMPEL/MANUEL  GOTTSCHING  “New age of earth” (1976 - abstract/ambient)
MANUEL GOTTSCHING  “E2 E4”  (1984 - ambient )
BILLY  COBHAM “Spectrum” (1974 - funky,soul,jazz)
GALAXY 2 GALAXY  “Journey of the dragons/hi –tech jazz  (1993 - techno/future jazz)
JUAN ATKINS/MODEL 500  “No UFO’s/  FUTURE”  (1985 - electro)
THEO PARRISH “Space Station” ( 2009 - electronica)
SUN RA  “The eternalmyth revealed” vol.1 (2011 - cosmic  jazz)


Dj Simona Faraone sul web:
Tag:  Simona Faraone, dj donna, consolle rosa shokking, techno, spazio

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni