“Un matrimonio perfetto” di Winifred Wolfe

Pubblicato cinquant’anni fa, questo libro può rivelarsi ancora oggi fonte di grande ispirazione per tutte le donne che vogliono diventare mogliettine con i fiocchi e artefici di una vita di coppia da favola

di Carlotta Pistone

Pubblicato lunedi, 25 ottobre 2010

Rating: 4.5 Voti: 33
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of Elliot Edizioni

“Un matrimonio perfetto” è un romanzo divertente, leggero e, perché no, anche istruttivo. Uscito nel 1961 negli Stati Uniti, e da allora soggetto a continue ristampe, non ha mai smesso di stupire e conquistare il pubblico, soprattutto femminile, grazie ad una sacrosanta verità che, tutt’oggi, si dimostra quanto mai attuale: sposarsi è un passo importante, che comporta tanta gioia quanto impegno, insieme a spirito di sacrificio, pazienza e costanza. Tutte qualità che, guarda caso, rientrano nel ruolo della donna, indispensabili per diventare una buona moglie e colonna portante di una vita di coppia felice. Se poi, come insegna la protagonista del libro, la dolce sposa dispone di una serie di semplici trucchetti che sa applicare con astuzia, allora l’idillio matrimoniale è assicurato. Basta infatti pensare che dietro ad ogni buon marito, c’è una grande moglie!

Chantal è dotata di un fascino tutto particolare ereditato in egual misura dai genitori, con i quali vive a Boston: per la precisione la mamma, parigina, le ha trasmesso un’irresistibile e ammiccante verve, vena anticonformista mitigata, di contro, dalla struttura caratteriale solida e irreprensibile tipica del ramo bostoniano paterno. La giovane è così in grado di attirare come calamite i rampolli più ambiti della città, lasciandoli invece totalmente spiazzati nel momento in cui sfoggia – sempre sul più bello - un atteggiamento integerrimo e virtuoso.

Quando la famiglia si trasferisce a New York, Chantal - spinta anche dal desiderio dei genitori di vederla finalmente sistemata e al sicuro dagli imprevisti risvolti del suo inusuale approccio vero l’altro sesso - si prefigge l’obbiettivo di trovare marito, un uomo diverso dai soliti bambocci che le cascano ai piedi appena lei alza un dito, capace di conquistarla e di farle abbassare le sue naturali difese. Ed Eugene Wright, detto Gene, giovane fotografo e incallito scapolo, passa  da candidato perfetto a prescelto, senza nemmeno accorgersene

Dopo un primo burrascoso incontro, una breve conoscenza, uno strano ingresso in famiglia e una cerimonia senza troppi fronzoli, i due si ritrovano così a vivere sotto lo stesso tetto, novelli sposi e innamorati di quell’amore fresco e puro, tipico del primo periodo di matrimonio. Lui intanto continua a scattare fotografie a bellissime modelle in costume e completini intimi, mentre lei si può finalmente gettare a capofitto nel ruolo di mogliettina perfetta, dedita a fornelli e faccende domestiche di ogni genere.

Ma ben presto, Chantal, si trova a fare i conti con i primi screzi matrimoniali: un pizzico di gelosia di qua, un briciolo di indifferenza di là, qualche dispettuccio o piccola ripicca, la gettano in un tale sconforto da dover ricorrere ai consigli della mamma. Viene in questo modo a conoscenza del segreto che ha mantenuto stabile e serena la vita di coppia dei genitori per tanti anni e che, se applicato nel modo giusto, può consentire ad ogni donna di rendere felice il proprio uomo, se stessa e il proprio matrimonio. Inizialmente la protagonista stenta a credere alle sue orecchie e pensa che sia impossibile che un insieme di regole così bizzarre, ma altrettanto basilari, possano servire per risanare il suo rapporto con Gene. Fidandosi della madre decide comunque di fare un tentativo. Anzi tre tentativi, dopo i quali non le resta che ammettere l’infallibilità del metodo materno, da quel momento in poi seguito alla lettera con risultati eccellenti.

Fino a quando però, Chantal, è costretta a svelare il suo segreto, una rivelazione forzata che Eugene non sembra disposto a digerire tanto facilmente..

Questo romanzo, dunque, oltre ad essere una piacevole lettura, grazie alla scrittura lineare, classica e brillante, nonché alla comicità della trama, può benissimo rappresentare – previo qualche piccolo accorgimento e reinterpretazione - una fonte di utili consigli, tanto per le novelle spose che per la prima volta si trovano a vivere a strettissimo contatto con la loro dolce metà, quanto per quelle mogli il cui rapporto con il partner risulta già fin troppo consolidato e quindi bisognoso di un aiutino perché torni agli antichi splendori, o magari per conferirgli una luce completamente nuova.
 

"Un matrimonio perfetto"
di Winifred Wolfe
2010, Elliot Edizioni
pp. 253   € 16,00


 


Tag:  Un matrimonio perfetto, Winifred Wolfe, Elliot Edizioni, moglie perfetta, Una sposa per due

Commenti

26-10-2010 - 17:39:00 - paterò
Quanto è attuale però l'immagine della mogliettina perfetta? Ormai le donne si dividono tra lavoro, famiglia, genitori, figli, magari palestra per il proprio benessere fisico e mentale... Esiste una legge perfetta e durevole nel tempo per il rapporto perfetto?
11-12-2010 - 17:50:14 - Sabrina TiamoTisposo
La perfezione non esiste, non c'è il matrimonio perfetto o la moglie perfetta o le cose giuste da fare e quelle no, è tutto veramente relativo. Cerchiamo di non dimenticarci mai chi siamo e che cosa vogliamo, e di condividerlo con nostro marito o il nostro compagno, l'unica pozione magica è "comunicare";)!
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni