A che ora muori di Simone Carabba

Serial Killer a Genova... un programma

di Andrea Tonetti

Pubblicato lunedi, 13 gennaio 2014

Rating: 5.0 Voti: 6
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of Io Scrittore
Genova, Luglio.

Fa un caldo bestiale e ci mancava solo un serial killer per rendere impossibile il lavoro della Polizia.

Un serial killer che gioca con le forze dell'ordine come il gatto con il topo, seminando indizi, suggerendo piste e andando a toccare gli agenti nei loro affetti personali.

Otto sono le ragazze coinvolte nel folle piano dell'assassino, nessuno sa chi siano, nessuno sa perché e sarà necessario lo sforzo di tutti per giungere alla verità ed eliminare il pericolo, in una gara contro il tempo che non si può fermare.

Ho letto le 350 pagine del libro di Simone Carabba in poco più di 2 ore. E' un libro che, pur nella sua semplicità, riesce a tenerti incollato fino alle ultime pagine.

La storia, raccontata dal punto di vista di vari protagonisti, è ambientata a Genova, quella Genova che alcuni dei protagonisti amano e alcuni detestano. La Genova delle vie strette, dei quartieri grigi, delle prostitute e dello spaccio. Quella Genova che fortunatamente non è solo questo.

Proprio qui appare dal nulla un serial killer dal movente sconosciuto. La Polizia, inizialmente, brancola nel buio, ma mettendo insieme i vari tasselli riesce a giungere alla verità.

Verità che, non per l'identità del killer, ma per le sue motivazioni, lascia un po' l'amaro in bocca.

A che ora muori? è comunque un buon esempio di un genere letterario che in Italia, a parte Massimo Lugli e Donato Carrisi, pochi hanno il coraggio di affrontare.

Ad un prezzo così contenuto vale sicuramente una lettura.


2012, Io Scrittore Ed.
Formato Kindle
prezzo: € 299
Tag:  A che ora muori, Simone Carabba, Io Scrittore, Genova, serial killer, thriller

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni