Cancella il giorno che mi hai incontrato & Puoi fidarti di me

L'autrice australiana Leisa Rayven ha racchiuso in due new adult una sola tormentata e bellissima storia d'amore, capace di suscitare emozioni forti ma contrastanti, sulla scia di quelle provate dai protagonisti Ethan e Cassie in un lungo e doloroso percorso di crescita dai risvolti inaspettati

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of Fabbri Editore
“Puoi fidarti di me” è il secondo nonché ultimo volume della serie Starcrossed, prosecuzione di “Cancella il giorno che mi hai incontrato”. Una prosecuzione attesissima da chiunque abbia letto il primo libro, a causa, o meglio, grazie al non-finale con cui l’autrice, l’australiana Leisa Rayven, ha interrotto di netto la narrazione nel suo momento clou. Affermare che “l’ha lasciata in sospeso” sarebbe un eufemismo e proprio per questa inaspettata conclusione (del tipo che girando pagina e trovando il nulla, zero inchiostro, sulle prime ho pensato a un errore di stampa) ho deciso che avrei scritto di Ethan e Cassie e del loro tormentato amore solo dopo averne avuta una visione d’insieme completa. E ora ce l’ho.

Entrambi i libri si sviluppano su due piani temporali, presente e passato, che si alternano, dove la voce narrante è sempre quella di Cassandra. Mentre nel presente impariamo a conoscerla come una giovane donna chiusa e diffidente, il passato ci rivela la ragazzina spensierata, ingenua e curiosa che era quando all’Accademia d’Arte di New York ha conosciuto Ethan, ai tempi la copia di ciò che sarebbe diventata lei, a causa sua.

Tutto comincia nel momento in cui, promettenti attori in erba, vengono scelti per interpretare una parte che si rivelerà calzargli a pennello: quella di Romeo e Giulietta. L’iniziale astio che manifestano durante le prove dello spettacolo, dettato dalle differenze caratteriali ma indebolito dall’attrazione fisica, ben presto si trasforma in una passione destinata a sfuggire al loro controllo. Una passione che Cassie vorrebbe vivere fino in fondo, travolta da sentimenti e desideri per questo ragazzo tenebroso e bellissimo che non aveva mai provato e sperimentato prima, ma che Ethan puntualmente frena, convinto di essere “sbagliato” per chiunque cerchi di instaurare un rapporto affettivo con lui.Ferito nel profondo da due episodi, uno legato alla sua famiglia, l’altro a una relazione finita in modo disastroso, ha chiuso fuori dalla sua vita qualunque sentimento, e anche se Cassie riesce incredibilmente a scalfire questa corazza, dimostrandosi comprensiva, accondiscendente e profondamente innamorata, lui ha già stabilito a priori che la farà soffrire. Sembra pure impegnarsi, e non poco, affinché nessuno possa mettere in dubbio questa tesi. Ma anche quando proverà a cambiare, quando entrambi cercheranno di cambiare drasticamente per assecondarsi a vicenda, ad avere la meglio sarà la sua indole, incostante, inaffidabile, logorata dalla più classica forma di sindrome d’abbandono che si trascina dietro.

Sei anni dopo, Ethan e Cassie sono due attori affermati. Lui è stato in giro per il mondo, lei è sempre a New York, dove si rincontrano, ancora una volta per interpretare insieme un ruolo passionale sul palcoscenico. Le loro strade si sono irrimediabilmente divise, entrambi hanno sofferto tanto l’uno per l’altra da aver toccato il fondo. E ora le parti si sono invertite. Cassie, malinconica e disincantata, non crede più nell’amore. Ethan, invece, ha finalmente capito di aver amato e poter amare una sola persona. Con grande impegno – e complice qualche trauma aggiuntivo – nei tre anni in cui sono stati distanti, al pari di estranei, è riuscito a esorcizzare le sue paure. Peccato che, come pronosticato, se ne sia liberato non prima di averle trasmesse a lei... E Cassie non ne vuole più sapere di Ethan, è un incubo dover recitare con lui, dover fingere di amarlo in scena quando nella realtà lo odia. O almeno, vorrebbe odiarlo, e ci riuscirebbe, forse, se l’uomo che in ogni modo le sta chiedendo perdono e un’altra possibilità, fosse lo stesso ragazzo che le ha spezzato il cuore. Ethan, invece, vuole parlare, vuole spiegarle cosa ha capito di sé stesso e cosa gli è successo nel frattempo. Ora comprende l’entità del danno di cui è stato artefice, se ne assume le colpe, ma questa volta non ha intenzione di rinunciare. Ha smesso di fuggire ed è disposto ad aspettare un tempo che sembra una tortura per entrambi purché Cassie, in preda ai dubbi e ai fantasmi del passato, impari a fidarsi e torni di nuovo, e davvero, tra le sue braccia.

Questo è a grandi linee il riassunto – appositamente mescolato - di entrambi i libri della Rayven, i cui titoli “shakespeariani” originali, particolarmente evocativi e azzeccatissimi – secondo me molto di più dei corrispettivi in italiano, come spesso accade -, danno l’idea del cambio di prospettiva e, soprattutto, dell’evoluzione dei due protagonisti. Infatti, dove “Bad Romeo” si concentra sui tormenti di un giovane Ethan tanto risoluto nella sua chiusura, da rendere poi più che giustificabile l’aperto scetticismo di Cassie di fronte a una possibile redenzione, “Broken Juliet” fa emergere come, perché e fino a che punto il cuore di Cassie si sia spaccato e con quella frattura profonda abbia finito per calcificarsi.

“Cancella il giorno che mi hai incontrato” e “Puoi fidarti di me” raccontano una bellissima storia d’amore, strutturata e scritta bene, senza fastidiose ripetizioni – per chi dovesse leggerli di fila –, ma con quei giusti rimandi che consentono di non perdersi nel passaggio dall’uno all’altro. E sono due libri che, a mio parere, possono piacere per motivi diversi, perché trasmettono emozioni differenti. Il primo è molto più adolescenziale, ma anche più trascinante: infatti, per quanto i protagonisti siano giovani, sono comunque due bei personaggi che viene voglia di scoprire, così come il loro amore, che si sa fin da subito andrà a finire male con pessimi risvolti, ma ci vuole un bel po’ per capire quale forma sia destinato ad assumere. O meglio, non lo si capisce se non nel seguito, più amaro e introspettivo, dove la storia nel passato tra Ethan e Cassie, in modo insolito e per nulla promettente, cresce con loro, mentre il tentativo di riconciliazione nel presente si rivela doloroso e pieno di ostacoli. Poi, tornando ai titoli originali, Ethan mi è piaciuto di più in “Bad Romeo”… il ruolo da ragazzo problematico consapevole di esserlo gli donava maggiore fascino e mordente rispetto a quello da uomo pentito e un po’ “zerbino”. La Cassie di “Broken Juliet” e la sua evoluzione, tanto con che senza Ethan, rivelano invece un personaggio più maturo che alza il livello della narrazione e in cui, per me, è stato più facile immedesimarmi.

Per concludere, chi ai tempi aveva letto il primo, ci scommetto, avrà già letto il secondo… Per tutte le altre amanti del genere new adult vi consiglio spassionatamente di procurarvi entrambi al più presto, magari in vista delle vacanze! Avrete un ottimo motivo in più, di ben 750 pagine totali, per rilassarvi ed emozionarvi sotto l’ombrellone.


di Leisa Rayven
26 febbraio '15 - pp. 421
Prezzo di copertina €15,90 - formato Kindle €6,99

 

di Leisa Rayven
11 giugno '15 - pp. 334
Prezzo di copertina €15,90 - formato Kindle €6,99
Tag:  Cancella il giorno che mi hai incontrato, Puoi fidarti di me, Leisa Rayven, Fabbri Editori, New Adult, serie Starcrossed, Bad Romeo, Broken Juliet, amore

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni