Chimica, cheppalle! di Raffaella Crescenzi e Roberto Vincenzi

Un nuovo modo divertente e insolito di imparare la chimica

di Laura Argelati

Pubblicato giovedì, 7 marzo 2019

Rating: 5.0 Voti: 6
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of Dea Planeta Libri
Per i ragazzi che non si trovano in sintonia con la chimica fino quasi a detestarla e per gli insegnanti che vogliono trovare una strada più originale per trasmettere la materia, il libro perfetto è “Chimica, cheppalle!” di Raffaella Crescenzi e Roberto Vincenzi edito da Dea Planeta Libri.

Non un manuale scolastico ovviamente, ma un volume divertente incentrato sugli argomenti trattati nei primi anni di studio della chimica: reazioni chimiche, gli stati della materia e le soluzioni.

Sette capitoli corredati dalle illustrazioni di Claudia Petrazzi per un avvincente viaggio alla scoperta di atomi, isotopi, molecole, passaggi di stato, soluzioni sature e solubilità.

Ogni argomento viene presentato con termini chiari e di facile comprensione; per chi poi desidera più accuratezza, ci sono i box dal titolo “Ve lo dico in chimichese”, per acquisire le proprietà di linguaggio idonee a soddisfare i prof durante interrogazioni e verifiche scritte.

Se fino ad ora avete sbottato “Chimica, cheppalle!” d’ora in poi sarete capaci di capire meglio ciò che ci circonda e vedrete la materia sotto un’altra luce grazie allo stile avvincente e divertente degli autori.


5 febbraio 2019, DeA Planeta Libri
Pagine 222
Prezzo di copertina €12,90
Tag:  Chimica cheppalle, Raffaella Crescenzi, Roberto Vincenzi, Claudia Petrazzi, DeA Planeta Libri, Libri per ragazzi, Chimica, Scienza

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni