Con un poco di zucchero di Chiara Parenti

E se Mary Poppins tornasse per seguire due bambini in difficoltà?

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of Rizzoli YouFeel
Eravamo rimasti a Maia e Marco, due giovani innamorati che, dopo mille peripezie, si erano finalmente ritrovati. Peccato che il tempismo non fosse stato esattamente dei migliori, dato che Maia era felicemente fidanzata. Era “Tutta colpa del mare (e anche un po' di un mojito)”. Era estate. Era (ed è) un bestseller su Amazon. Ma ora l’estate (aimè) è finita e Chiara si è cimentata in qualcosa di più attinente al cielo grigio e alla nebbia mattutina che ci aspetta. Vi ricordate Mary Poppins? Sì, proprio lei. Quella simpatica tata londinese che aveva sconvolto le vite di due simpatici bambini e di un burbero papà?! Il tutto in compagnia del suo simpatico ombrello e di una borsa così capiente che ci stavano dentro perfino lampada e attaccapanni. Cantava “Con un poco di zucchero e la pillola va giù” e, insieme all’amico spazzacamino, si cimentava in viaggi fantastici. Chiara ha scritto una rivisitazione moderna di Mary Poppins. Una simpatica, giovane e carina Mary Poppins, che si chiama Katie Baker.


Matteo Gallo (Teo per gli amici) è un scorbutico trentenne che spera solo di trovare l’ispirazione per scrivere il romanzo della sua vita, mentre vive a casa della sorella, ospitato dopo aver perso fidanzata e lavoro (e abitazione, ovviamente). In teoria, nell’accoglierlo, lei sperava anche in un suo aiuto nel badare ai due figli,  abbandonanati al proprio destino dal marito/papà fuggito. Ma Teo non sembra amare troppo questa convivenza forzata e desidererebbe solo poter rientrare la sera in santa pace, in compagnia di qualche “Tesoro” e non dover incappare in tate ucraine né tanto meno nei suoi nipoti, Rachele e Gabriele, che lui chiama “affettuosamente” gli hobbit.
Dopo che anche l’ultima tata se ne va, snervata dalla situazione in casa, non resta che cercarne un’altra che avrà il ruolo di ritagliarsi uno spazio nelle vite di due bambini che stanno già combattendo contro un senso dell’abbandono che si portano avanti da quando è venuto a mancare il loro punto di riferimento paterno.

Credo però che Dio, ancora una volta, abbia frainteso i miei desideri, perché quando apro la porta non c’è nessuno. Tranne tutte le premesse dell’imminente arrivo di un uragano. […]
«Oh, santo il cielo!» esclama una voce da qualche parte in giardino. Esco, incuriosito, e vedo una ragazza che rincorre un ombrello ribaltato tra le primule.
Aggrotto la fronte perplesso e chiedo: «Ehm, serve aiuto?».
La ragazza riesce finalmente ad agguantare l’ombrello posseduto e prende a correre affannata verso di me. «No! È che quando lo porto in un posto nuovo gli piace esplorarlo per bene!» mi risponde con un sorriso.

Da questo momento iniziano le disavventure che vedono coinvolti un Teo sempre più stranito dalla gioia di vivere (secondo lui ingiustificata) della “Psyco Tata” (come l‘ha soprannominata lui) e due bambini che sembrano scoprire solo ora un mondo fatto di sorrisi, gioia e creatività. Ma Tata Katie cerca in tutti i modi di far capire anche a Teo il vero significato della vita e di coinvolgerlo il più possibile nella vita familiare.

Riuscirà a cambiare le carte in tavola e a riunire una famiglia un po’ strampalata ma piena di amore da offrire e ricevere?
A voi la scoperta.

Un libro divertente che, per chi ha amato il celebre film della Walt Disney (ma non solo,) è irrinunciabile. Scritto con ironia ma anche con una vena di romanticismo, Chiara Parenti si conferma una scrittrice dotata, capace di trasmettere su carta la propria simpatia!

 

30 ottobre '14, Rizzoli YouFell
formato kindle: € 2,49
Tag:  Tutta colpa del mare (e anche un po' di un mojito), Chiara Parenti, Rizzoli YouFeel, Con un poco di zucchero, Mary Poppins

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni