D'amorire di Jessica Ravera

Un uomo che deve affrontare la morte improvvisa della moglie non sempre reagisce con razionalità, soprattutto se la donna non è colei che credeva fosse

di Carlotta Pistone

Pubblicato giovedì, 22 settembre 2011

Rating: 4.7 Voti: 34
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of Happy Hour Edizioni
E quando meno te lo aspetti la vita si rivela molto diversa da come pensavi che fosse, da come l’hai sempre vissuta. Un evento tragico può sconvolgere la tua esistenza – perché l’improvvisa morte della persona amata è tra le cose peggiori che possono accadere – ed essere pure fonte di spiacevoli, destabilizzanti, inaspettate rivelazioni.

Siamo all’inizio del romanzo di Jessica Ravera e Gemma, protagonista femminile, muore in un incidente d’auto lasciando soli il marito Italo e la loro piccola bambina. Questo è il culmine del romanzo e l’autrice lo svela nelle prime pagine. Perché? Perché è da questo fatto che la storia raccontata in D’amorire prende forma e si sviluppa, per poi a questo fatto tornare, chiudendo il cerchio della narrazione che ha nel suo centro la vita di Italo, con e senza la sua compagna, prima e dopo Gemma.

Una narrazione dal ritmo incalzante, in cui il lettore non può che ripetersi pagina dopo pagina ‘Questa proprio non me la sarei aspettata­­­’ da lui, poi da lei, quindi ancora da lui. Italo stesso rimane stranito e sconcertato dalla propria reazione a una così grande perdita. Ed è sconvolto quando scopre scomode verità sul conto della moglie che mettono a dura prova l’immagine che di lei lui si era costruito. Verità capaci di dissolvere la bolla di rassicuranti certezze dentro la quale si era barricato credendo di avere pieno controllo su di sé e su chi gli era più vicino.

Dunque, dove può Italo cercare una soluzione e trovare una risposta ai propri dubbi? Paradossalmente nel mondo dei giovani, un mondo che lui aveva sempre considerato a parte, incompatibile con quello degli adulti, ma in cui Gemma, invece, era totalmente immersa – fin troppo - nel suo ruolo di insegnante, e non solo. Invischiato in questo universo di poco più che adolescenti, senza riuscire a comprenderlo fino in fondo ma vivendolo sulla propria pelle attraverso un amore impossibile, Italo tenta di ristabilire una sorta di equilibrio come uomo e padre, senza badare troppo alla razionalità delle sue azioni e dei suoi sentimenti.

Originale lo sviluppo della trama e davvero interessante lo stile. A cominciare dal titolo. In D’amorire Jessica Ravera mette in mostra le sue doti di scrittrice che, è evidente, ha già avuto modo di affinare nel tempo e in altri generi letterari, nonostante la sua giovanissima età.
 
Poi che dire: usare la prima persona calandosi nei panni di un personaggio maschile, e riuscire a trasmettere la sensazione che a pensare, parlare, agire sia in effetti un uomo – non troppo simpatico, un po’ superficiale e talvolta amorale  -, non è cosa semplice per una donna, oltre a essere piuttosto inusuale. 
 
Partendo da una storia tragica – dove­­ comunque non è tanto il dolore a prendere il sopravvento, quanto l’irrazionalità - uomini e donne, giovani e adulti, vengono messi a confronto, senza che qualcuno ne esca vinto o vincitore. A galla vengono invece vizi, virtù, debolezze e colpe di mondi che idealmente si tende a contrapporre, o si vivono come contrapposti, ma che in realtà si intersecano continuamente, in modi e momenti imprevedibili, coinvolgendo persone insospettabili.


D'amorire
di Jessica Ravera
2011, Happy Hour Edizioni
pp. 176   15,00 Euro



Il sito ufficiale di Jessica Ravera
Leggi anche l'intervista all'autrice in
MORSI DAL TALENTO


MRS ti invita a L'APERITIVO CON AUTORE:

presentazione del libro di Jessica Ravera

D'AMORIRE


modera l'incontro Carlotta Pistone



Giovedì 29 settembre, alle ore 19.00
presso Il Mio Libro - Via Sannio 18, Milano


per info: 02 39843651 - E-mail: info@ilmiolibromi.it



 
Tag:  D'amorire, Jessica Ravera, Happy Hour, tradimento, giovani, amore, Aperitivo con autore, Il Mio Libro

Commenti

22-09-2011 - 18:05:05 - Mauro
Seguo quest' autrice fin dal suo esordio, quando mi sono imbattuto per caso nel suo "I Papaveri crescono anche sull'asfalto" (e già in quel breve racconto la penna lucida e spietata della Ravera mi ha inciso la pelle) Con questo romanzo ti sventra (soprattutto se sei un uomo!) e ti raggiunge l'anima. Le sue parole non si dimanticano facilmente. Da leggere, subito!
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni