Il nostro pianeta di Matt Whyman

Conoscere e rispettare il Pianeta Terra, attraverso il libro ufficiale della docuserie originale Netflix

di Laura Argelati

Pubblicato venerdì, 15 novembre 2019

Rating: 5.0 Voti: 5
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of HarperCollins Italia
Il nostro Pianeta è compostoda foreste, giungle, deserti, mari, mondi glaciali, acque costiere e acque dolci, ciascuno con le proprie peculiarità e soprattutto il proprio valore.

Un valore messo però gravemente a rischio dai cambiamenti climatici e dalla mano dell'uomo attraverso disboscamenti, caccia, pesca, opere urbanistiche.

Giungle e foreste sono i polmoni del Pianeta dove gli alberi assorbono anidride carbonica e gas serra e rilasciano ossigeno, l'acqua dolce è essenziale per gli esseri umani nonostante sia appena il 3% delle acque presenti sulla Terra, le immense praterie offrono ai branchi di animali lo spazio necessario per brucare e cacciare.


Tasselli indispensabili da tutelare attraverso aree protette, pesca e caccia regolamentate, limitando l'inquinamento da plastica e atmosferico per assicurare al nostro Pianeta un futuro lungo e sano.

"Il nostro Pianeta" di Matt Whyman edito da Harper Collins Italia ricorda ai lettori di ogni età e in particolare ai ragazzi che il Pianeta Terra è l'unico luogo che tutti noi chiamiamo casa, l'unico che abbiamo a disposizione e a cui, di conseguenza, dobbiamo garantire il massimo rispetto e la massima tutela. Ad aprire il libro ufficiale della docuserie originale Netflix, una prefazione del celebre naturalista David Attenborough.


7 novembre 2019, HarperCollins Italia
Pagine 96
Prezzo di copertina €25,00
Tag:  Il nostro pianeta, Matt Whyman, Harper Collins Italia, Netflix, Pianeta Terra, Cambiamenti climatici, Ecosistemi, Tutela, David Attenborough

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni