Il suo nome è Fausto Coppi di Maurizio Crosetti

Uno sfaccettato ritratto di uno dei più grandi campioni del ciclismo italiano

di Laura Argelati

Pubblicato venerdì, 6 settembre 2019

Rating: 5.0 Voti: 2
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of Einaudi
Nato di neanche due chili, dal fisico così esile da essere definito un chiodo, eppure così forte da diventare una leggenda del mondo del ciclismo.

Garzone di bottega, corridore, sportivo di successo, uomo al centro della cronaca per adulterio, campione mai dimenticato: queste e tante altre le vesti di Angelo Fausto Coppi nel corso degli anni.

A raccontare di lui, delle sue imprese, della sua vita privata nel volume "Il suo nome è Fausto Coppi" del giornalista sportivo Maurizio Crosetti edito da Einaudi, sono le voci attribuite alla madre Angiolina, al padre Domenico, all'amico rivale Bartali, alla moglie Bruna, a sua figlia Marina, alla donna ribattezzata la Dama Bianca che lo rese protagonista di uno scandalo, al meccanico Giuseppe De Grandi detto Pinella che preparava le sue bici, ad amici, familiari e gregari.

A cento anni dalla sua nascita, il ricordo di quanto fosse gracile e silenzioso da bambino, della sua prima vera bicicletta, della notizia giunta per radio del suo trionfo al Giro d'Italia del 1940, il legame con Bartali e Girardengo: un ritratto sfaccettato e genuino di uno dei più grandi campioni del ciclismo italiano.

Non c’è persona in Italia che non conosca il nome di Fausto Coppi, ma anche per chi non ne conosce nel dettaglio carriera sportiva e vita privata, “Il suo nome è Fausto Coppi” risulterà una lettura tanto appassionante ed esaustiva quanto leggera, come se i racconti del campione giungessero a noi da chi ha vissuto al suo fianco facendo due chiacchiere davanti ad una tazza di caffè.


4 giugno 2019, Einaudi
Pagine 224
Prezzo di copertina €17,50
Tag:  Il suo nome è Fausto Coppi, Maurizio Crosetti, Einaudi, Fausto Coppi, Ciclismo, Biografia, Centenario, Italia

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni