La memoria del lago di Rosa Teruzzi

Un nuovo caso per la fioraia del Giambellino e il suo team di investigatori

di Laura Argelati

Pubblicato mercoledì, 10 giugno 2020

Rating: 5.0 Voti: 4
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of Sonzogno
Da poco archiviato l'ultimo successo da detective, la fioraia Libera dovrà affrontare un nuovo caso, le cui radici affondano molto indietro nel tempo e nella storia della sua famiglia. Tra le mani della Miss Marple del Giambellino, a solleticare il suo interesse, un fascicolo di quasi settant’anni prima contenente due documenti dell’epoca riguardanti la morte di sua nonna, grande tabù della sua infanzia.

Il corpo di Sgheiz Maria Ribella era stato ritrovato nell’agosto 1946 e il caso presto archiviato come suicidio, nonostante una denuncia del viceparroco di zona basata sulle confidenze di alcuni parrocchiani che avevano indicato il nome di due possibili colpevoli, Alfredo Planetta e suo padre Tarcisio. A supporto dei due, però, erano state raccolte all’epoca testimonianze di “autorevoli gentiluomini” che avevano subito fatto naufragare ogni accusa, finendo per far liquidare il caso come un suicidio.

Nonostante i silenzi e le reticenze dei testimoni sopravissuti, Libera e la madre Iole supportate della cronista del quotidiano “La Città” Irene Milani e dal suo caporedattore, si butteranno a capofitto in questa indagine che le tocca in prima persona, scavando nel passato e lottando per assicurare giustizia alla loro famiglia.

“La memoria del lago” edito da Sonzogno è il nuovo libro di Rosa Teruzzi, della serie “I delitti del casello”.


28 maggio 2020, Sonzogno
Pagine 144
Prezzo di copertina €14,00
Tag:  La memoria del lago, Rosa Teruzzi, Sonzogno, Omicidio, Indagini, Famiglia, La sposa scomparsa, La fioraia del Giambellino, Non si uccide per amore, Ultimo tango all’ortica

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni