Possiamo Essere tutto di Francesca Ceci e Alessia Puleo

Una graphic novel dedicata all’unicità di ogni essere umano, all’integrazione, alla lotta alle discriminazioni

di Laura Argelati

Pubblicato mercoledì, 30 settembre 2020

Rating: 5.0 Voti: 4
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of Tunué
Raja, Amal e Hadi Fares sono tre fratelli originari del Marocco, appartenenti ad una famiglia immigrata in Italia da quindici anni.

La maggiore sogna di aprire una libreria indipendente tutta al femminile, Amal ha un animo artistico e desidera iniziare uno stage in una galleria d’arte, il piccolo Hadi ha la spontaneità dei suoi undici anni e un temperamento vivace.

Caratteri diversi li distinguono e anche il rapporto con l'Islam di ciascuno di loro differisce: per Raja è parte fondamentale della propria sfera privata, per Amal include anche una manifestazione pubblica indossando il velo mentre Hadi, ancora bambino, non è ancora arrivato a porsi il problema di come esprimere l’appartenenza religiosa della propria famiglia.

Per i tre ragazzi ogni giornata è vissuta cercando un equilibrio tra le proprie origini e il Paese in cui vivono, tra i loro sogni e desideri e ciò che la società offre e chiede, cercando di superare giorno dopo giorno  pregiudizi e discriminazioni.

Non mancano episodi e situazioni che generano sconforto, il muro innalzato da chi vive in una ignoranza segnata da stereotipi e pregiudizi è difficile da abbattere, ma coesi e forti dell’unione della famiglia i tre giovani sapranno superare gli ostacoli sul loro cammino.

"Possiamo essere tutto", sceneggiato da Francesca Ceci e disegnato da Alessia Puleo, è una graphic novel edita da Tunué realizzata in collaborazione con Amnesty International: un volume per ragazzi che, con delicatezza ma decisione, parla dell'unicità di ogni essere umano, di diritti umani e lotta alle discriminazioni.


24 settembre 2020, Tunué
Pagine 96
Prezzo di copertina €12,50
Tag:  Possiamo Essere tutto, Francesca Ceci, Alessia Puleo, Tunué, Graphic Novel, Fumetti, Integrazione, Amnesty International, Diritti umani

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni