That's amore di Elisa Formenti

Un libro d'esordio che affronta temi importanti. Un romanzo che conquista

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of Paradigmi editore
E se la strada che percorriamo non corrispondesse esattamente a quella che avevamo programmato?

Clizia ha poco più di vent’anni. Decisamente non è una ragazza che resta con le mani in mano in attesa che i suoi sogni si realizzino, ma è attiva e usa la sua intelligenza per trovare la propria strada nel mondo. Sicuramente una laurea in biologia non l’aiuta poi molto a trovare il lavoro dei suoi sogni e si vede dunque costretta a reinventarsi continuamente. Dopo aver fatto la cassiera, la ragazza sandwich, aver scritto perfino i bigliettini nei biscotti della fortuna, non si da per vinta. Ragazza eclettica e ricca di inventiva, Clizia è determinata a non lasciarsi abbattere dalle difficoltà della vita e accetta un lavoro come lavapiatti in un noto ristorante di Bologna, il Très Bien. Ed è proprio per un caso fortuito che viene spostata al ruolo di cameriera e incontra così un giovane uomo con due occhi così intensi che ne viene talmente scossa da rovesciargli addosso un piatto di spaghetti. Grazie a questa “prodezza” viene rispedita in cucina, questa volta come aiuto-cuoco e qui sembra avere l’occasione per mettere a frutto tutti gli insegnamenti del padre (chef, morto prematuramente) e avere l’occasione di approfondire l’arte della cucina. A un certo punto capisce di dover fare un passo in più, sente che questo è ciò che vorrebbe il padre per lei: trasformare la casa in cui vive la madre e adibirne una parte a cucina, lanciandosi nel business del catering. Il passo da fare è lungo e importante, ma Clizia trova nella madre un appoggio e nel ricordo del padre il coraggio di licenziarsi per mettersi in proprio. Dopo aver ristrutturato il casale e trovato una socia, ecco che l’avventura inizia. Ma Clizia è ancora sola, in cerca dell’amore, anche se non sembra essere il suo obiettivo principale. L’ennesimo incontro con il fatidico ragazzo, Davide, le stravolge la vita e seppur non senza tentennamenti, eccola abbandonarsi a lui che sembra essere la sua anima gemella. Ma ecco che, proprio mentre tutti i tasselli sembrano andare al loro posto, vince un concorso che la porta a vivere un anno a Parigi come aiuto di uno dei chef più popolari al mondo.
Le disavventure, però, non finiscono qui e il legame che ha con Davide verrà messo a dura prova non solo dalla lontananza, ma anche da alcune cose che scoprirà una volta a Parigi. Clizia sembra quasi un burattino nelle mani di un destino che si diverte a intrecciare i fili della vita e dell’amore… un destino che, però, sa il fatto suo.
Riuscirà l’amore a superare tutte le barriere ed essere l’unico vincitore?

That’s amore è il romanzo di esordio di Elisa Formenti. Un libro fresco, che racconta di come, a volte, la determinazione e la tenacia siano fondamentali per riuscire a ottenere quello che si vuole dalla vita. Clizia è un personaggio in cui ci si immedesima facilmente, e ci si sente subito coinvolti nella sua storia che viene raccontata con una penna briosa, frizzante ma non superficiale, né tanto meno scontata. Un libro che è pieno di imprevisti, curiosità, coincidenze, incontri inaspettati, fraintendimenti, ma che fa riflettere e sorridere.

I temi affrontati sono importanti: la difficoltà nel trovare un lavoro, il dolore per la perdita di un genitore, l’amicizia e anche l’amore. Un romanzo ironico che ci accompagna attraverso il mondo culinario tra Bologna e Parigi. Un romanzo che ci invita a non smettere mai di lottare per sfruttare al meglio i propri talenti e inseguire i propri sogni.

 

23 Luglio 2014, Paradigmi editore
pp.116
prezzo eBook € 0,99
Tag:  That's amore, Paradigmi editore, Elisa Formenti, disoccupazione giovanile, Parigi, cucina, chef

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni