Un mondo difficile di Massimo Milone

La caduta improvvisa e l'inaspettata risalita di un giovane milanese che dimostra di saper sfruttare a suo favore le regole non sempre limpide che governano vita pubblica e privata nel nostro Paese

di Carlotta Pistone

Pubblicato giovedì, 3 febbraio 2011

Rating: 4.6 Voti: 42
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of Happy Hour Edizioni
Può un piccolo, minuscolo, in apparenza insignificante errore di distrazione mutare radicalmente la vita di una persona? Un errore delle dimensioni di un segno di punteggiatura, come una virgola, per esempio..? Si, eccome se può succedere, ed è esattamente ciò che si verifica nella vita di Luca Messala nel corso di un’importante riunione di lavoro: un 2,5 diventato sulla carta un 25 innesca, infatti, una serie di eventi a catena che proiettano Luca da un mondo fin troppo facile, in cui si era abituato a sguazzare senza preoccupazioni, ad uno molto più difficile da digerire, in cui cercare di sopravvivere.

Da giovane, belloccio, promettente consulente d’azienda in carriera, a disoccupato. Da sciupafemmine incallito, a cornuto – quasi scaricato dalla moglie. Da potenzialmente benestante a completamente nullatenente, anzi, pure derubato di ogni centesimo.

A questo punto i lettori più magnanimi di cuore – o meno attenti – potrebbero essersi già dimenticati gli antecedenti di Luca, come tutti i suoi peccatucci e la sua innata superficialità, insieme ad una malcelata arroganza, provando quindi pena per questo povero giovane maltrattato dal sistema capitalistico, nonchè strapazzato dal destino che sembra essersi accanito contro di lui. Ed è proprio questo l’avvilente quadretto che una sua cara amica giornalista, Nadia, cerca e riesce a propinare all’opinione pubblica, prima distorcendo in vari punti la storia di Luca attraverso le pagine del suo giornale, poi convincendolo a partecipare ad un talk show di successo che mette in piazza le tragicommedie umane senza troppo curarsi della verità dei fatti. Grazie a questa svolta il protagonista si trasforma così in un personaggio mediatico costruito a tavolino per far alzare gli ascolti televisivi. Un repentino giro di boa che lui interpreta come la possibilità di riscattarsi professionalmente e socialmente dopo le sue ultime disavventure e che lo porta ad intraprendere una nuova strada, questa volta nel mondo della politica, dove viene accolto e sostenuto dalle frange della sinistra estrema. Ma Luca non era di destra?

La scrittura accattivante ed incisiva di Massimo Milone fa di Un mondo difficile un romanzo dal retrogusto amaro, a tratti addirittura aspro, dove un personaggio tutto sommato mediocre e nemmeno troppo simpatico, come quello di Luca Messala - che alla fine se la passa non peggio di tanti altri -, diventa un efficace pretesto per gettare una rapida e realistica occhiata sulla situazione attuale del nostro Paese, e un esempio di come giochi di potere, bugie e “patti con il diavolo” non solo regolino lavoro, media e politica, ma facciano anche la fortuna di molti.

di Massimo Milone 
2010, Happy Hour Edizioni
pp. 190  € 15,00

Massimo Milone è nato a Napoli dove ha vissuto fino alla laurea. Da oltre venti anni vive a Milano, ha lavorato per diverse società di consulenza aziendale ed è ora dirigente di una grande multinazionale italiana. Dello stesso autore in uscita per Happy Hour edizioni il romanzo Danzerò sulle vostre tombe, allegramente

Leggi anche l'intervista all'autore in MORSI DAL TALENTO

MRS vi invita giovedì 10 febbraio, ore 18.30


Partecipano insieme all'autore: Carlotta Pistone e Giovanni Bernuzzi

LIBRERIA DEL CORSO - C.so San Gottardo 35, Milano
 
Su MRS il PROLOGO tratto dal romanzo di Massimo Milone 
Tag:  Un mondo difficile, Massimo Milone, Happy Hour, media, politica, bugie, Libreria del Corso, presentazione

Commenti

05-02-2011 - 07:49:14 - GB
Paraculi, zoccole, cocainomani, manager cialtroni, politici in vendita e giornalisti che non c'è neanche bisogno di comprare, il tutto shakerato in televisione.... Fantascienza? Fantasy? Horror? ... Italia?
05-02-2011 - 07:55:02 - Elisa
L'ho letto ieri - ottimo come sempre il consiglio di Carlotta - e mi son schiantata dal ridere... poi ho pensato che non sono qui di passaggio dai ridenti deserti di Marte o le confortevoli brume di Venere ma in questo mondo difficile (poco rosa e molto shokking) ci vivo, e mi son schiantata e basta.
06-02-2011 - 11:02:40 - gbp
....in fondo di luca messala probabilmente ognuno di noi ne ha gia incontrati tanti soprattutto recentemente....giovane belloccio superficiale in carriera arrogante? ...mi sembra che sia un clichè, basta entrare nei locali delle nostre città ed ascoltare " involontariamente " le conversazioni del tavolo accanto e non mi stupisco che per niente che la tivvù lo colga al volo e ne faccia un personaggio di un talk-show e cambi anche idee politiche, ma ne ha mai avute?...mah...forse sono io che sono vecchio!!
07-02-2011 - 11:05:51 - Matteo
Veramente bellissimo, ho letteralmente divorato questo libro! Devo dire che durante la lettura mi ha provocato sentimenti molto contrastanti e molto spesso leggevo voracemente perché mi sentivo "arrabbiato"! Beh devo fare un grosso complimento all'autore perché mi ha davvero coinvolto! Assolutamente CONSIGLIATO!
10-02-2011 - 11:11:23 - diego
bel libro, di grande attualità Brava Carlotta ci dai sempre ottimi consigli. Direi che l'autore è stato troppo generoso con tutti, la realtà è molto peggiore.
14-02-2011 - 12:00:17 - fabrizia
grazie alla tua recensione sabato ho comprato il libro e ieri l'ho letto prima e dopo la manifestazione mi sono rilassata e divertita. Grazie
09-10-2012 - 12:09:42 - urologo
sarà
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni