Il dildo: popolarità moderna di un sex toys... antico!

Dildo: tutto quello che c’è da sapere!

di La Redazione

Pubblicato venerdì, 5 febbraio 2016

Rating: 1.0 Voti: 3
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
È il sex toys più popolare nel mondo dell'eros. I giochi sessuali, siano essi fra partners o in dolce solitudine, hanno validi alleati nei più svariati tipi di sex toys fra i quali il più popolare e, in un certo senso, quello a cui tutto il mondo dell'eros fa riferimento è il dildo.

La storia, difatti, ci conferma l'esistenza dei dildo sin dall'antichità: tuttavia bisogna distinguere i semplici simulacri fallici, che nascevano come oggetti di venerazione e, quindi, simbolo di virilità o fertilità, dagli altri oggetti che venivano usati a scopo sessuale, in quanto solo questi ultimi possono essere inclusi nella categoria dei dildo.

Il dildo: che cos'è? E qual è la differenza con il vibratore?

In generale, il dildo è un sex toys chiaramente definito dalla forma fallica e caratterizzato dall'uso sessuale. Si differenzia dal vibratore, in quanto non vibra e, per questo, richiama direttamente il membro maschile nella sua essenzialità.

Tuttavia c'è chi ritiene che possano essere considerati tipologie di dildo sia gli stessi vibratori, sia altri oggetti erotici che nascono per la penetrazione pur non richiamando la forma fallica.

Ci sono differenze fra i principali tipi di dildo. Esistono, infatti, moltissime tipologie di dildo che differiscono fra loro soprattutto per le dimensioni, i colori e i materiali oltre, naturalmente, alla forma. Quest'ultima, difatti, pur solitamente richiamando quella fallica, presenta anch'essa delle varianti: da quelle decisamente realistiche, anche con cura dei dettagli per rendere il dildo simile al membro maschile, ad altre più stilizzate, oppure che, al contrario, si caratterizzano per la presenza di sfumature fantasiose e originali.

La prima suddivisione che si può fare fra i vari tipi di dildo è quella in base alla funzione per cui nascono: in pratica, esistono dildo per la stimolazione vaginale e per quella anale.

La ovvia differenza fra i 2 tipi è che quello anale deve presentare necessariamente una base più larga che impedisca al dildo stesso di penetrare per intero nell'ano, evitando così i rischi di un fastidioso e pericoloso effetto supposta tipico del delicato organo. Le 2 funzioni, anale e vaginale, possono tuttavia convivere in uno stesso sex toys: è il caso del dildo doppio.

Esiste anche il dildo doppio, che presenta ovviamente 2 punte e si rivela adatto a una doppia penetrazione. Può essere usato, ad esempio, all'interno di un rapporto lesbico per la gioia di entrambe le partners, che possono così penetrarsi a vicenda: ma ovviamente se ne possono fare infiniti usi fino a quello, reso possibile da tipologie di dildo a doppia punta particolarmente flessibili e curvate, di autoerotismo con possibilità di penetrazione vaginale e anale della stessa persona. La gamma di possibilità di esperienze erotiche che possono essere offerte da un doppio dildo sono veramente molte, e i partners coinvolti possono essere 2 donne, un uomo ed una donna, oppure quest'ultima da sola.

Un discorso a parte va fatto per i cosiddetti dildo indossabili o strapeless, che sono essenzialmente di 2 tipi: con o senza imbracatura. Questi ultimi sono i cosiddetti dildo strapless, nei quali il dildo viene sorretto dagli stessi muscoli vaginali: in pratica c'è un'estremità più corta del dildo che viene inserita nella vagina della parte attiva, e una più lunga a beneficio del partner passivo, che può essere un'altra donna, oppure un uomo. Questa tipologia di dildo soddisfa entrambi i partners in quanto anche il soggetto che penetra riceve degli stimoli sessuali dovuti alla presenza della parte più corta del dildo nella propria vagina.

I dildo indossabili: dildo strap on. Nell'immaginario erotico, invece, le pratiche strap on, possibili grazie alla tipologia di dildo con imbracatura (che può essere rappresentata da una cinghia oppure da un apposito slip), presuppongono, anche se non sempre è così, una forte caratterizzazione dei ruoli dei partners nei termini di un dominatore del rapporto e di un soggetto sottomesso. Per quanto riguarda le tipologie di dildo che vengono usate nello strap on, esse possono essere fatte rientrare fra i dildo classici o quelli realistici, eccezion fatta per tipologie particolari richieste proprio perché comunichino potere e dominio (dildo molto grandi, o molto rigidi, e così via).

Ecco alcune indicazioni su materiali e precauzioni

I dildo possono essere in pvc, in silicone ed in pyrex. Bisogna dire che quelli in pvc e, soprattutto, quelli in silicone sono i tipi che vanno per la maggiore ultimamente. Soprattutto i secondi si segnalano positivamente perché facili da sterilizzare (con semplice bollitura dell'acqua) e perché inodori, al contrario di quelli in pvc il cui odore di plastica non sempre è gradevole. Un discreto successo riscuotono oggi anche quelli in pyrex, che è un vetro borosilicato, in quanto raggiungono la temperatura corporea grazie all'acqua calda.

Tutte le tipologie di dildo devono subire un processo di sterilizzazione e di estrema pulizia, mentre resta vivamente consigliato per essi l'uso di lubrificanti al fine di prevenire irritazioni o infezioni. Bisogna però tener presente che i lubrificanti in silicone sono incompatibili con i dildo dello stesso materiale, in quanto ne risulterebbe pericolosamente deteriorata la superficie: ne consegue che l'uso di lubrificanti a base d'acqua risulta in questo caso preferibile.
Tag:  dildo, sex toys, eros, sesso, pene, vagina, giochi sessuali, lubrificante

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni