La Cantinetta del Nonno

Una piccola osteria a San Casciano in Val di Pesa che nasconde un grande segreto

di Andrea Vercelli

Pubblicato mercoledì, 16 marzo 2011

Rating: 4.6 Voti: 59
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
San Casciano è un ridente borgo toscano sulle verdi colline del Chianti.
Un paesino colorato e tranquillo che non raggiunge i venti mila abitanti. Volti sorridenti ed amichevoli che si fermano nella piazzetta centrale, vero e proprio fulcro della movida locale.
Sembra di essersi materializzati in un film di Pieraccioni.
 
Passeggiando nella stradina che dalla piazzetta si snoda nel piccolo centro, mi ritrovo davanti ad un’umile insegna, una vetrinetta dalla quale si possono scorgere tavolini apparecchiati, salumi e bottiglie di vino, schierate come soldatini in attesa della battaglia.

La Cantinetta del Nonno
. Leggo il menù affisso all’entrata ed immediatamente il mio stomaco reagisce con un brontolio inappellabile. Salumi e formaggi tipici, zuppe ed intingoli a base di cavolo nero.
 
Mi siedo ad un tavolino di legno, su una sedia semplice, come quelle che vedi nei quadri di Van Gogh.
Ed immediatamente il mio sguardo viene rapito da un quadro, che domina la sala.
Un dipinto ad olio abbozzato, non curato nei dettagli, molto energico.
Rappresenta cinque anziani signori seduti intorno ad un tavolo, con espressioni diverse. Uno di loro sta mescendo il vino. Il suo volto è conosciuto, molto conosciuto.
Un brivido ghiacciato mi percorre la schiena e le immagini mi si delineano immediatamente nella memoria.
E’ Pietro Pacciani, il tristemente famoso Mostro di Firenze; e quelli, i suoi compagni.
Sì, sì, e l’omino sulla destra, con la mano sulla fronte, è il Vanni, quello che al processo cominciò dicendo: « Io sono stato a fa' delle merende co' i' Pacciani ».
Collego rapidamente e chiedo per conferma. La Cantinetta del Nonno è l’osteria in cui il Signor Pacciani veniva a far merenda con i suoi compagni. Deglutisco. Forse sono seduto al loro tavolo?
Sedici delitti efferati. Otto coppie di giovani massacrate. Dal 1968 al 1985. Proprio in queste zone.
Macellai nati in queste terre. Gente insospettabile, umile, ignorante. Gente semplice. Trasformata in mostri. Qual è il meccanismo che genera la follia omicida? Qual è il segreto? Perché?
 
Mi rendo conto di essere in apnea. Finisco velocemente la bistecca, pago, butto un’ultima occhiata al dipinto, ed esco.
 
Mi manca l’aria. Quasi di corsa vado al parcheggio, prendo l’auto e corro via più lontano possibile da quei pensieri.
Fermo la macchina in prossimità di un tornante. Scendo e guardo le colline sottostanti. Respiro profondo. Mi faccio riempire di ossigeno e di verde. Sorridendo, guardo il cielo blu, testimone di tutto, mentre una lacrima mi scorre lentamente sul viso.
Tag:  La Cantinetta del Nonno, Pacciani, Chianti, Val di Pesa, San Casciano, Compagni di merenda, Vanni

Commenti

16-03-2011 - 19:30:19 - anonimo
Bravissimo. Ti ho detto: io, in quella cantinetta, ci andrei invece. Non fosse altro che per risolvere i miei "irrisolti"...ghghgh
17-03-2011 - 16:16:12 - antonio p
terribile il cattivo gusto e la crudelta .....ma si sa che i mostri sono tra noi
19-03-2011 - 10:50:08 - tommaso
si terribile, ...il gusto del cavolo nero intendo!
29-03-2011 - 18:15:01 - Simon
Ciao Italiani,sono Inglese, Sto imparando l'italiano. Ho tradotto questo come compiti. E una storia molto interessante ma molto triste. Sembra che cerano mostri dapertutto, anzi in toscana. Anche mi piace cavolo nero!
17-07-2019 - 23:04:52 - alfredo
N.B. se vedi i processi , ti renderai conto che erano dei pocho di bono ma non assasini , i 16 omicidi non l'hanno fatti loro ... informati
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni