Le mattine dieci alle quattro

Le morti bianche nel teatro civile firmato da De Bei

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Le mattine dieci alle quattro, spettacolo ben scritto e diretto da Luca De Bei, affronta da una parte - con un ruvido “linguaggio di borgata” – il tema quanto mai attuale delle morti bianche nei cantieri di lavoro e, dall’altra, racconta una fragile e tenera storia d’amore che affonda le sue radici nel passato… A Roma ogni mattina, alla stessa ora dell’alba, due ragazzi e una ragazza aspettano il tram che dalla periferia li porterà sui loro rispettivi luoghi di lavoro. I due ragazzi, un italiano e un rumeno, lavorano in un cantiere edile, mentre la ragazza, italiana, lavora per una ditta di pulizie. Sono tutti poco più che ventenni e tutti lavorano in nero.

I loro lavori sono sottopagati, pericolosi, umilianti, e ovviamente precari. La realtà di questi ragazzi è fatta di levatacce, turni massacranti e tentativi di fuga dal quotidiano attraverso l’alcool, la droga o la musica di una discoteca. Ma in questa dura esistenza c’è ancora, malgrado tutto, la volontà di aspirare ad una vita migliore, nel disperato bisogno d’amore.

Ottima l’interpretazione dei giovani attori in scena (Federica Bern, Riccardo Bocci e Alessandro Casula), che riescono a trasmettere - con sorprendente naturalezza - sentimenti, emozioni e stati d’animo. Semplice ed essenziale, ma di grande impatto, l’ambientazione scenica: ottime le musiche e gli effetti sonori. Questo spettacolo, classico esempio di teatro civile, è sicuramente da vedere e apprezzare, sia per i temi trattati che per l’indubbio valore artistico, ma soprattutto per incoraggiare quei giovani attori, registi e autori che rappresentano il futuro del nostro teatro, quello sano, innovativo e di qualità.

Le mattine dieci alle quattro – vincitore nel 2010 del Premio Golden Graal per la regia  -è in scena al Teatro della Cometa di Roma dal 10 al 29 maggio 2011.
Tag:  Le mattine dieci alle quattro, Luca De Bei, morti bianche, Premio Golden Graal, teatro civile, Teatro della Cometa

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni