Il film italiano “Dalla Vita in Poi” trionfa al Taormina Film Festival.

Uno dei Festival piu' attesi dal pubblico italiano e dagli addetti ai lavori si e' tenuto a Taormina dal 12 al 18 giugno

di Elena Maria Manzini

Pubblicato lunedi, 21 giugno 2010

Rating: 0.0 Voti: 0
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
La 56ema edizione del Taormina Film Festival si e’ chiusa venerdì 18 giugno dopo 6 giorni di film, anteprime, workshop per giovani artisti italiani e lezioni di cinema tenute da mostri sacri del cinema internazionale.

Il Festival, diretto dal 2007 dalla critica cinematografica Deborah Young, ha offerto un programma di 21 pellicole in concorso che sono state suddivise in tre categorie “geografiche”: la sezione “Mediterraneo”, quella “Oltre il Mediterraneo” e una selezione di cortometraggi siciliani. Quest’anno la giuria, composta da importanti esperti del settore, tra i quali spicca il direttore del Festival di Berlino Dieter Kosslick, ha prediletto il film italiano del regista Gianfrancesco Lazotti “Dalla Vita in Poi”, a cui sono stati assegnati il “Golden Tauro” del Concorso Mediterranea e i premi per la Miglior interpretazione maschile e femminile per i protagonisti Filippo Nigro e Cristiana Capotondi.

La motivazione dei giurati che accompagnava il premio elogiava "l’abilità di trasformare una situazione tragica in una favola leggera che permette di mantenere l’attenzione continua verso le storie dei personaggi.” Il film, infatti, narra la storia di Rosalba che ha una relazione epistolare con un carcerato di cui è innamorata. Incapace però di scrivere quello che sente affida la penna all’amica del cuore costretta su una sedia a rotelle, Katia, che a sua volta s’innamora del bel criminale.

Cristiana Capotondi, che nel film interpretava il ruolo di Katia, ha tenuto una delle prestigiose “Lezioni di Cinema” offerte dall’organizzazione del Festival, che da sabato 12 ha regalato al pubblico presente gli insegnamenti di grandi attori e registi come Robert De Niro, Emir Kusturica, Colin Firth, Marco Bellocchio e Francesco Alliata. A questi personaggi sono stati conferiti dalla città di Taormina anche premi alla carriera, ai quali si è aggiunta la menzione al cineasta iraniano Jafar Pahani appena rilasciato dal governo di Teheran dopo mesi di carcere.

I workshop intensivi “Officine Lab” e “Campus Taormina” hanno raccolto circa un migliaio d‘iscrizioni da parte di giovani interessati a imparare l’arte del cinema da maestri quali Dario Argento, Margareth Made’, Giorgio Pasotti e Maria Grazia Cucinotta, la quale era presente anche per mostrare in anteprima il film “L’Imbroglio del Lenzuolo”, da lei prodotto e interpretato. E’ stata la meravigliosa cornice del Teatro Antico di Taormina a ospitare le numerose anteprime cinematografiche, ormai un vero marchio di fabbrica della manifestazione. Oltre al film della Cucinotta il pubblico ha potuto godersi: “Toy Story 3” in 3D, la commedia americana campione di incassi; “Death at a Funeral”con il comico Chris Rock. E la bellissima storia tutta al maschile “The Boys Are Back”, con un ispirato Clive Owen.

Taormina naturalmente non si è dimenticata dei Mondiali di Calcio 2010 e lunedì 14 - il giorno del debutto mondiale dell’Italia - ha dedicato la giornata a proiezioni di film legati al tema del calcio e la serata alla partita degli azzurri contro il Paraguay.
Tag:  Taormina Film Festival, Robert De Niro, Maria Grazie Cucinotta, Cristiana Capotondi, Dalla Vita in Poi

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni