Torna a Milano il Festival del cinema d’Africa, Asia e America Latina

Fino al 25 marzo, diverse tradizioni prendono vita in una metropoli sempre più cosmopolita e multietnica

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Fino al 25 marzo, a Milano è protagonista una rassegna storica, il Festival del cinema d’Africa, Asia e America Latina; un evento dai tratti esotici, che racconta culture, tradizione apparentemente lontane ma con le quali, soprattutto in una metropoli multietnica, siamo chiamati a confrontarci nel nostro quotidiano.
 
Il Festival, giunto alla sua 22° edizione, vedrà in gara le consuete sezioni competitive dal titolo Concorsi Finestre sul mondo, divise in fictiondocumentari riguardanti tutti i Paesi, e due riservate esclusivamente all’Africa, ovvero il Concorso per il Miglior Film Africano e il Concorso per il Miglior Cortometraggio Africano.
 
Con oltre cinquanta nazioni rappresentate e circa ottanta film e video proiettati, l’evento si muove lungo due direttrici più che mai attuali. Se da una parte ci cerca di rendere più reale e realistico il concetto di globalizzazione, che tuttora sembra essere una chimera per alcune regioni del mondo, dall’altra il Festival si presenta come vero e proprio trampolino di lancio per registi emergenti, giovani che cercano di mettere in luce il proprio talento, nonostante le difficoltà di una crisi profonda che ha colpito proprio le nuove generazioni.   

Con il sostegno di Eni, sponsor principale, il Festival proietta film in prima nazionale. Tra i più attesi: Porfirio del colombiano Alejandro Landes, Ufo in her Eyes della scrittrice e regista cinese Guo Xiaolu, e ancora Mort à vendre del maghrebino Faouzi Bensaïdi e Aujourd’hui, prodotto dal franco-senegalese Alain Gomis.
 
Con lungometraggi e documentari, la rassegna presenta vicende che hanno inciso intere generazioni, lasciate però spesso ai margini della memoria storica. Ma sul grande schermo passano anche testimonianze di fatti recenti, così difficili da giudicare con distacco e lucidità.
 
Infine, abbracciando lo slogan Il Razzismo è una brutta storia, il Festival partecipa alla campagna lanciata da Feltrinelli, una collaborazione che, oltre all’imprescindibile impegno sociale, ha dato vita al Premio omonimo che sarà consegnato al miglior film che affronta il tema del razzismo.
 
Ma non solo film all’interno del Festival: gli eventi sono numerosi, e coinvolgono tutta la città; uno tra tutti è la mostra Good morning Africa, che approfittando della cornice d’eccezione della manifestazione, presenta il continente in tutta la sua vitalità, proponendone colori e aromi intensi, un vero e proprio viaggio per provare il famoso mal d’Africa, rimanendo comodamente nella metropoli milanese.
 

 

Il Festival Center si trova presso il Casello Ovest Porta Venezia

Per il programma dettagliato e tutte le location cliccare QUI
Tag:  Festival del cinema di Africa, Asia e America Latina, 22° edizione, 25 marzo, Milano, razzismo, film

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni