Buon compleanno Aung San Suu Kyi

Degli ultimi 21 anni, 15 li ha passati in cattività. Ma a 65 anni continua la sua battaglia per la democrazia in Birmania

di Stefano Magni

Pubblicato sabato, 19 giugno 2010

Rating: 0.0 Voti: 0
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Aung San Suu Kyi

Aung San Suu Kyi compie 65 anni oggi. A farle gli auguri, in prima linea, ci sono il presidente degli Stati Uniti Barack Obama e il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon.

In patria, in Birmania (Myanmar, come viene chiamata dalla giunta militare al potere), Aung San Suu Kyi non può assolutamente festeggiare. Il regime birmano continua a tenerla prigioniera dal 1989. Nel 1990 il suo partito, la Lega Nazionale per la Democrazia aveva vinto le elezioni, ma la giunta militare invalidò i risultati. Aung San Suu Kyi ha trascorso 15 degli ultimi 21 anni in prigione o agli arresti domiciliari.

Avrebbe dovuto essere liberata quest’anno, ma il governo è riuscito a incastrarla di nuovo: quando un misterioso cittadino americano, attraversando a nuoto il piccolo lago su cui sorge la sua casa-prigione, si è recato a farle visita, per lei è scattata immediatamente una nuova condanna.

Vincitrice del Premio Nobel per la Pace nel 1991 per la sua lotta non violenta a favore della democrazia in Birmania, Aung San Suu Kyi è ora uno dei migliori esempi di resistenza individuale. Sopporta con stoicismo la sua lunghissima detenzione e non è mai scesa a compromessi con il regime. Nel suo discorso di oggi, Barack Obama, rinnovando il suo appello per la liberazione della dissidente, la ricorda per la sua “determinazione, coraggio e sacrificio personale, nel lavoro che svolge a favore dei diritti umani e del cambiamento democratico”. Ban Ki-moon si dice “profondamente preoccupato” per il prolungamento della sua cattività domiciliare. 


Tag:  Aung San Suu Kyi, Birmania, democrazia, arresti domiciliari, diritti umani

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni