Entra in vigore la legge anti velo in Francia

Partecipavano ad una manifestazione a Parigi e sono state fermate 59 donne con il velo

di Silvia Menini

Pubblicato lunedi, 11 aprile 2011

Rating: 4.9 Voti: 9
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Da oggi è in vigore in Francia la legge voluta da Sarkozy, approvata senza alcuna opposizione parlamentare nell’ottobre scorso, ma che ha scatenato fin da subito l’opinione pubblica e la stampa. È stata sicuramente una forte presa di posizione, considerando che proprio la Francia è il paese con la comunità musulmana più popolosa d’Europa ed è anche stata la prima a vietare il burqa e il niqab.
 
Il provvedimento prevede multe fino ad un massimo di 150 euro, che può anche sfociare nell’obbligo di un corso di educazione civica. La multa sale però fino a 30.000 euro per gli uomini che impongano ad una donna di indossare il velo, e fino a 60.000 euro nel caso in cui la donna sia minorenne. Per ribadire che tale disposizione non è una forma di razzismo, verrà applicata a tutti coloro che nasconderanno il volto con maschere (speriamo non sia incluso anche il carnevale), veli, passamontagna o caschi integrali, in linea con “i valori della Repubblica e del vivere insieme”, come sottolineato dal premier Fracois Fillon.
 
Tale nuova legge ha scatenato a Parigi una manifestazione non autorizzata davanti alla cattedrale di Nôtre Dame che si è conclusa con il fermo di 59 donne, tra le quali 19 con il velo. Già questa mattina, inoltre, una donna ha sfidato il divieto percorrendo in treno la tratta Avignone – Parigi, indossando in niquab, affermando che il divieto del velo islamico nei luoghi pubblici è un attentato ai suoi diritti europei.
Tag:  Sarkozy. Francia, velo, burqa, niqab, manifestazione

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni