Gay dichiarati, abili e arruolati

Il presidente Usa Barack Obama firma la legge che respinge la regola "don't ask, don't tell" e ammette il reclutamento dei gay dichiarati nelle forze armate

di Stefano Magni

Pubblicato mercoledì, 22 dicembre 2010

Rating: 3.9 Voti: 8
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Manifestazione a Times Square contro la discriminazione dei gay nell'esercito
"Decine di migliaia di americani non dovranno più vivere mentendo”. Con questa dichiarazione il presidente americano Barack Obama ha firmato la legge che rigetta la regola “Don’t Ask, Don’t Tell” e ammette anche i gay dichiarati al reclutamento nelle forze armate.
 
“Don’t ask, don’t tell” era già una norma progressista, votata da un Congresso a maggioranza democratica e firmata dal presidente Bill Clinton nel 1993. Era un primo compromesso con le forze armate, volto a permettere l’arruolamento dei gay. Per evitare un confronto duro con la tradizione militare si era deciso di ammettere solo gli omosessuali non dichiarati. “Non dirmelo e non te lo chiederò”, appunto. Molti gay e lesbiche sono già in divisa, ma 13mila sono stati respinti dagli uffici di reclutamento o espulsi dalle forze armate. La nuova legge spiana la strada all’ammissione di tutti gli americani, indipendentemente dal sesso e dall’inclinazione sessuale, dichiarata o non dichiarata.
 
La magistratura americana aveva già forzato la mano alla politica.
 
A settembre, poco dopo un primo voto negativo al Senato, un giudice a Tacoma (Washington) ha fatto riammettere nell’aviazione il maggiore Margaret Witt, lesbica dichiarata. Una volta creato questo precedente, il 12 ottobre il giudice distrettuale Virginia Phillips (corte distrettuale di Riverside, California) ha emesso una sentenza rivoluzionaria: ammessa l’incostituzionalità dell’esclusione dei gay, ha ordinato al Pentagono di non opporsi al loro reclutamento. Obama, in piena campagna elettorale, aveva chiesto alla corte di Riverside di rivedere la sua sentenza, in attesa dell’appello, così da favorire una soluzione politica e non giudiziaria del caso. Ora è puntualmente arrivata anche la soluzione politica.
 
Quanto è profonda questa riforma delle forze armate? In pratica cambia poco: i gay ci sono già in tutte le branche della difesa statunitense. Culturalmente cambia molto. E la svolta è paragonabile all’ammissione delle donne e delle minoranze etniche nelle forze armate. La legge entrerà in vigore fra 60 giorni. E spetta ora agli ufficiali preparare culturalmente i loro soldati (uomini e donne) ad accettare i nuovi commilitoni.
 
Tag:  gay, esercito, Obama, don't ask don't tell, minoranze, Tacoma, Virginia Phillips, California, Pentagono

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni