Il lento risveglio delle saudite

Donne al volante e in coda agli uffici elettorali, qualcosa si muove all'ombra di Riyad

di Stefano Magni

Pubblicato martedi, 31 maggio 2011

Rating: 1.0 Voti: 1
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Manal al Sharif
In questi anni stiamo assistendo a un lento risveglio delle donne saudite. Segregate, discriminate dalla legge religiosa che vige nel regno, stanno dimostrando di voler rialzare la testa e conquistare pari diritti di cittadinanza. La protesta è sia individuale che collettiva. Protesta individuale, fatta di piccoli gesti, come quella di Manal Al Sharif, di Khobar: ha guidato un’auto e si è ripresa con il videofonino, poi ha postato il filmato su Internet. Manco a dirlo è stata arrestata: in Arabia Saudita alle donne è proibito anche guidare. Ora, però, sta diventando un simbolo. E per il prossimo 17 giugno (il 17 sta diventando un numero ricorrente nelle proteste della “Primavera Araba”), a Khobar è prevista una protesta, fatta di piccoli/grandi atti di disobbedienza civile.

Il fenomeno più grande che coinvolge le donne del regno, finora, è però elettorale. A settembre si voterà per il rinnovo dei consigli municipali. Le donne sono escluse, ovviamente. Mesi fa, la stampa del regno aveva ventilato l’ipotesi che re Abdullah, questa volta, le avrebbe fatte andare alle urne. Ma ancora una volta  9 milioni di saudite dovranno rimanere a casa. Il motivo? Siccome donne e uomini non possono coesistere nello stesso ambiente, le autorità affermano di aver difficoltà a predisporre seggi appositi per sole donne. E però… adesso che si aprono gli uffici per la registrazione, quelle che si presentano sono soprattutto suddite di sesso femminile. Che chiedono e vogliono registrarsi come elettrici. E’ un’altra forma di protesta, pacifica ma dilagante, lanciata sempre su Internet con il nome di “Baladi”, che vuol dire “il mio Paese”. E’ un atto di patriottismo e, allo stesso tempo, di voglia di emancipazione. “Attraverso questa pressione stiamo cercando di modificare la decisione del governo di escludere le donne dal voto, sostenendo che la ragione che hanno dato non è convincente – ha dichiarato Nailah Attar, una delle organizzatrici della campagna –. Continueremo a provare finché non ci fermeranno”. 
Tag:  Arabia Saudita, Manal al Sharif, guidare, voto femminile, Baladi

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni