Iran, corsa contro il tempo per fermare una lapidazione

Sakineh Mohammadi Ashtiani sta per morire. L'appello dell'Unione Europea

di Stefano Magni

Pubblicato mercoledì, 7 luglio 2010

Rating: 0.0 Voti: 0
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Sakineh Mohammadi Ashtiani
L’orologio corre e ogni minuto che passa avvicina una donna iraniana di 43 anni, madre di due ragazzi, Sakineh Mohammadi Ashtiani, alla fine terribile a cui è stata condannata: la lapidazione. Nel maggio del 2006 la Ashtiani era stata accusata di aver avuto rapporti sessuali extramatrimoniali con due uomini. Dopo un processo tutt’altro che equo era stata condannata per adulterio a 99 frustate. Ma, come se non bastasse, il suo supplizio non è finito lì. Incarcerata è stata anche condannata a morte per lapidazione, la pena prevista dalla legge coranica per l’adulterio di cui era rea confessa. “Confessa” solo dal punto di vista del giudice locale, perché successivamente la donna ha ritrattato la sua confessione, affermando che le era stata estorta con la forza.

La comunità internazionale si sta interessando al caso soprattutto in questi giorni. I figli di Sakineh hanno lanciato un appello pubblico il 2 luglio: “Per favore aiutateci a porre termine a questo incubo e a non farlo diventare realtà. Spiegare i minuti e i secondi delle nostre vite è molto difficile. Le parole perdono il loro significato in questi momenti di agonia. Aiutateci a salvare nostra madre”.

Gli Stati Uniti hanno protestato lunedì con le autorità iraniane. L’Ue si è aggiunta con un appello della commissaria Catherine Ashton (Politica Estera e di Sicurezza Comune) a Teheran: “Chiedo all’Iran di sospendere queste esecuzioni (altri due uomini attendono l’impiccagione, ndr) e di convertirle in pene carcerarie”. La Ashton ha anche definito la lapidazione “un metodo di esecuzione particolarmente crudele che è da considerarsi una forma di tortura”. Una donna lapidata viene sepolta fino al collo e colpita con pietre non più grandi di un pugno, così da prolungarne l’agonia. Chi riesce a liberarsi e uscire dalla propria buca può essere graziato o veder la sua pena convertita ad anni di carcere. Ma solo un maschio può riuscire a salvarsi in questo modo: un uomo condannato alla lapidazione, infatti, viene sepolto fino al petto e ha maggior possibilità di muoversi. Un condannato è riuscito a scappare nel dicembre nel 2008. Nessuna donna ce l’ha fatta, invece: sepolte fino al collo, le donne hanno possibilità praticamente nulle di salvarsi. 
Tag:  Iran, Sakineh Mohammadi Ashtiani, Catherine Ashton, lapidazione, diritti umani

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni