Usa, inchiesta anti-abortista nel Wisconsin

Gli avvocati "pro-vita" denunciano: fondi pubblici illegali per l'interruzione di gravidanza

di Stefano Magni

Pubblicato venerdì, 4 giugno 2010

Rating: 0.0 Voti: 0
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Negli Stati Uniti gli anti-abortisti stanno conducendo una lenta e costante battaglia per l’abolizione dell’interruzione di gravidanza. Ma un lettore italiano può rimanere completamente disorientato leggendo le notizie che arrivano dal Nuovo Mondo. Una piccola premessa è necessaria. Da noi l’aborto è consentito solo negli ospedali di Stato, perché è riconosciuto come un “diritto sociale”. Negli Stati Uniti, invece, l’interruzione di gravidanza è riconosciuto come un diritto individuale (lo scontro è fra i “pro-vita” e i “pro-scelta”) e si pratica anche nelle cliniche private. Negli Usa la battaglia dei conservatori non mira direttamente a vietare l’interruzione di gravidanza, quanto a impedire che sia lo Stato a finanziare qualsiasi attività legata all’aborto, con i soldi delle tasse presi anche da cittadini anti-abortisti.

Fatta questa debita premessa, la notizia di oggi arriva da uno stato nell’estremo Nord degli Usa, retto da un governatore democratico e tradizionalmente liberale: il dipartimento della Giustizia del Wisconsin ha chiesto un’interrogazione parlamentare per verificare se sia vero o no l’uso di fondi pubblici a fini abortisti. Un’associazione di avvocati pro-vita (Alliance Defense Fund), lo scorso aprile aveva infatti denunciato che l’Università del Wisconsin (pubblica) sta finanziando corsi di preparazione per ginecologi che includono anche l’interruzione di gravidanza. Secondo l’Adf l’università avrebbe versato 60mila dollari negli ultimi tre anni per finanziare corsi presso il locale centro per la pianificazione familiare (Planned Parenthood). Secondo gli avvocati è reato: la legge del Wisconsin vieta alle agenzie statali di pagare dottori o strutture che praticano l’aborto.

Indipendentemente da quali saranno i risultati di questa inchiesta, le donne che vorranno abortire potranno sempre rivolgersi a medici che non ricevono fondi pubblici. O possono andare a farsi operare in stati (sempre entro gli Usa) in cui la legge locale non pone questi limiti. 
Tag:  aborto, anti-abortisti, Usa, Wisconsin, federalismo

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni