Velo: "E' meglio" scoprire il volto

Studiosi sauditi della legge coranica valutano il modo di conciliarsi con la nuova norma anti-burqa francese. Per evitare conflitti

di Stefano Magni

Pubblicato lunedi, 26 luglio 2010

Rating: 0.0 Voti: 0
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Quando e se in Francia verrà approvata la legge che vieta il velo integrale (burqa e niqab), sulla donna musulmana graverà un problema che pochi riescono a cogliere: se rispetterà la legge, rischierà di essere condannata dagli imam più radicali per l'accettazione di un "malcostume" imposto da uno Stato "infedele".

E’ per questo che in Arabia Saudita, centro della religione islamica sunnita, gli studiosi sono all’opera per definire i confini fra la legge francese e quella coranica, al fine di evitare che entrino in conflitto. Due esperti, citati dall’agenzia missionaria AsiaNews, Aed al Qarni e Mohamed al Nujaimi, ritengono che la legge francese sia da condannare. Ma anche che la donna residente in Francia la debba rispettare, per evitare problemi con lo Stato.

Secondo al Qarni, “E’ illogico e irragionevole che il governo francese si occupi di simili cose. E’ un’ingerenza che è condannata non solo dai musulmani, ma anche da persone neutrali, perché lo Stato laico garantisce libertà di culto. Lo Stato deve rispettare le tradizioni religiose, comprese quelle dei musulmani”. Pare strano che queste osservazioni sulla laicità dello Stato, vengano da un suddito saudita, un regno la cui legge coincide con la religione. Ligio al rispetto delle norme, comunque, al Qarni dispensa la donna musulmana francese dal divieto di scoprirsi, quando le autorità lo richiedano: “E' meglio che scopra il volto”.

Sul quotidiano saudita Al Watan, Nujaimi rilancia un’idea simile: “Per una donna che risiede permanentemente in Francia o è cittadina francese, se è difficile portare il velo, è permesso mostrare il viso quando serve e la situazione lo richiede”.
Queste osservazioni, che non sono ancora una fatwa (editto religioso) possono risparmiare le donne musulmane francesi da grandi sofferenze. Sempre che le stesse siano poi ascoltate e non scavalcate da editti di condanna alle “svergognate”. 
Tag:  burqa, niqab, Francia, Arabia Saudita, fatwa

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni