Al MACA di Acri, la prima retrospettiva italiana dedicata ad Hans Richter

Dada fino all'ultimo respiro: settanta opere tra carta e pellicola, un percorso che sottolinea la poliedricità dell'artista fondatore del Dadaismo. Dal 30 giugno 2012

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Hans Richter - Dreams that money can buy, 1947
Una retrospettiva da non perdere, quella che si aprirà il 30 giugno, dedicata ad uno dei fondatori del movimento Dadaista, Hans Richter.
 
La cornice è quella del MACA (Museo Arte Contemporanea Acri), in provincia di Cosenza, e le opere in mostra saranno una settantina tra oli, carboncini, disegni, collage, serigrafie, acqueforti e lettere, per ricordare la poliedricità e la continua sperimentazione di questo grande artista.

Hans Richter - Dream, 1940

Dopo un primo periodo espressionista, Richter, nato a Berlino nel 1888, si trasferisce a Zurigo, dove dà vita,  nel 1917, al Dadaismo, in compagnia di Tristan Tzara e Hugo Ball. Due anni dopo fonda, con Hans Harp e Marcel Janco, il Group des Artistes Radicaux, iniziando così il processo dei Rotoli dipinti, di derivazione cinese, per tentare una nuova idea di movimento dove la figura spazia oltre i limiti del quadro tradizionale. Avviene nello stesso periodo ilpassaggio alla macchina da presa: nascono così i primi cortometraggi, come quelli della serie Rhytmus (1921-1925), che si evolvono in lungometraggi dopo il trasferimento dell'artista a New York, nel 1940.
 
Dada fino all'ultimo Respiro, questo il titolo della Mostra, è un percorso realizzato con la Collaborazione dell'Associazione Culturale De Arte e promossa da Oesum Led Icima. La volontà è quella di ricoprire l'intera carriera di Hans Richter e portare al pubblico le sue incredibili capacità e innovazioni, tra pittura, cinema, come confermato dalle sue stesse parole:

Considero il cinema come una parte dell'arte moderna, soprattutto come un'arte visibile. Ho sperimentato, per così dire a mie spese, che certi impegni della pittura possono essere realizzati solamente nei film. Il film è lo sblocco di alcune delle strade indicate dalla pittura che non hanno trovato un completamento nelle arti figurative. Qui si presentano i grandi compiti per il futuro. Arte moderna e film moderno si completano.

 

Hans Richter - Variation sur le theme
Gestes Simples, 1960
Va inoltre ricordato che a partire dal 15 settembre, alla mostra si affiancherà un'esposizione di lavori di sette artisti, vincitori del concorso Young at Art: Walter Carnì, Valentina Trifoglio, Giuseppe Lo Schiavo, Armando Sdao, Giuseppe Vecchio Barbieri e il duo MILC, si confronteranno con l'opera di Hans Richter dando vita a una riflessione sull'eredità del Dadaismo nell'arte contemporanea.

 
HANS RICHTER - Dada fino all'ultimo respiro
Dal 30 giugno al 7 ottobre 2012
MACA (Museo Arte Contemporanea Acri) 
Piazza Falcone, 1 - Acri ( Cs)

 
Orario: martedì - domenica 9-13 e 16-20
 
Info:
maca@museovigliaturo.it
www.museovigliaturo.it
Tag:  HANS RICHTER - Dada fino all'ultimo respiro, MACA, dadaismo, Rotoli dipinti, arte moderna, film, Young at Art

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni