Al MACA le opere dei detenuti della Casa di reclusione di Rossano

La Rassegna, interamente ispirata al Maestro Dada Hans Richter, si potrà ammirare sino al 27 Gennaio 2013

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Sino a domenica 27 Gennaio sarà possibile visitare la Mostra Arte nelle case di reclusione? presso il MACA - Museo Arte Contemporanea Acri. Una rassegna di quaranta opere, questa, tutte realizzate dagli ospiti della Casa di Reclusione di Rossano (CS). Grazie anche alla collaborazione con l'Assessorato alla Cultura della Regione Calabria, la mostra è composta da otto opere di pittura e trentasei in argilla create nei laboratori della Ditta Pirri, produttrice di ceramica artistica all'interno del penitenziario.

I lavori, ispirati al Maestro Dadaista Hans Richter, artista a cui il MACA aveva dedicato una retrospettiva l'estate scorsa, hanno ricevuto grandi consensi a partire dal Coordinatore del Progetto e Direttore del Museo, Silvio Vigliaturo, e dal Direttore della Casa di reclusione di Rossano, Giuseppe Carrà, che ha voluto ringraziare i detenuti e gli esperti per l'impegno e il successo dell'iniziativa, una tra le numerose attività educative e riabilitative volute dalla struttura.

Importanti progetti, quindi, che hanno un ruolo fondamentale nel recupero dei soggetti.

La mostra, di fatto, rientra nell'ambito di MacArtCalabriaProject, rete di eventi finanziati dalla Regione Calabria nell'ambito dell'attuazione del Progetto Integrato di Sviluppo Regionale Arte Contemporanea in Calabria.


Arte nelle case di reclusione?
Workshop d'arte contemporanea in carcere

MACA - Piazza Falcone, 1 - Acri (CS)
Dal martedì alla domenica, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19
Info: www.museomaca.it
Tag:  Arte nelle case di reclusione?, MACA, Calabria, carcere, Rossano, workshop, MacArtCalabriaProject, Hans Richter

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni