La Donna. Di te il dolore sia luce

Mostra fotografia a Monza che vuole celebrare la femminilità

di La Redazione

Pubblicato lunedi, 1 dicembre 2014

Rating: 5.0 Voti: 3
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
A cura di Maila Daniela Tritto
 

La Donna, questo è il titolo della mostra fotografica a cura di Livia Borile e Tiziana Fraterrigo, che si terrà a Monza dal 5 al 14 dicembre con ingresso libero. L’esposizione intende celebrare la femminilità e perciò ricollegarsi alla Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne. Scopo primario sarà infatti di denunciare la violenza che alcune donne subiscono quotidianamente sia nella sfera privata, sia pubblica com’è appunto l’ambiente lavorativo. I dati sono preoccupanti e documentano che una donna su tre, nella fascia d’età compresa fra i sedici e i settanta anni, è stata vittima di un sopruso. Un dato quest'ultimo che ha preoccupato perfino l’Onu che a giugno ha richiamato l’attenzione del governo italiano sugli effettivi problemi come, appunto, gli episodi di aggressività che non tendono di certo a diminuire e, anzi, travagliano la società già troppo provata dalle incertezze economiche. Una difficoltà che non può e non deve essere sottovalutata, ma che purtroppo è diventata di risonanza internazionale.

La rassegna, che sarà allestita presso la sala Meritalia de “Le Cucine della Villa Reale” di Viale Brianza, coinvolgerà numerosi fotografi. Gli stessi che nel corso della loro carriera si sono cimentati nella rappresentazione figurativa della donna e dei suoi lati, perfino quelli più nascosti e talvolta non lasciati trasparire per vane esigenze d’immagine all’interno dell’opinione pubblica, come appunto la violenza, che tuttavia è il principale motore di alcune iniziative con le quali s’intendono far emergere la difficile questione e, soprattutto, destare la coscienza delle persone. La mostra, quindi, si distingue per gli scatti per lo più in bianco e nero con i quali si vuole lanciare un messaggio inedito, ovvero distaccarsi dalle solite rappresentazioni brutali e vittimistiche che senz’altro non migliorano la situazione già di per sé troppo complessa. Al contrario, l’esposizione intende porre l’accento sull’aspetto propositivo di rinascita e autostima che talvolta viene trascurato a favore della più urgente denuncia delle aggressioni quotidiane.

Alla mostra collettiva parteciperanno Rocco Carnevale, Marcella Cicchino, Denise Cremoli, Rosita Delfino, Massimiliano Marchese, Paola Mischiatti, Debora Morelli, Patrizia Moretti, Giancarlo Petroni, Lara Zanardi, artisti provenienti da tutte le zone d’Italia, uniti per il raggiungimento dell’obiettivo di denuncia. Si alterneranno perciò le fotografie che propongono una femminilità sia seduttiva e fiera sia vulnerabile e delicata, aspetti che del resto rappresentano le donne e il loro comportamento nei confronti delle persone e degli eventi. Gli scatti quindi si arricchiscono di alcune parti che a volte vengono oscurate dalla società, come appunto l’impegno continuo delle donne negli ambienti di lavoro e in progetti a livello umanitario.

Partner della mostra è Demetra Onlus, che da sempre si occupa di contrastare tutte le forme di violenza specialmente alle donne e ai bambini.


La Donna. Di te il dolore sia luce
Le Cucine della Villa Reale - Sala Meritalia
Viale Brianza 1, Monza

Inaugurazione: venerdì 5 dicembre ore 18.30
Visitabile dal 6 al 14 dicembre
Dal martedì alla domenica dalle 9.00 alle 24.00
(8 dicembre aperta)
Tag:  La Donna. Di te il dolore sia luce, mostra a Monza, Le Cucine della Villa Reale, lotta alla violenza contro le donne, mostra fotografica, rinascita e autostima, Demetra Onlus

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni