Scudo di Roberto Coda Zabetta, a Pietrasanta

La mostra punterà sul concetto di scudo come guardiano della memoria

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Dopo un intenso anno in giro per il mondo, Roberto Coda Zabetta torna in Italia con Scudo, mostra di 24 nuovi lavori su tessuto e alcuni disegni progettuali.

La rassegna, a cura di Tony Godfrey, si terrà dal 7 luglio all'8 agosto presso il Complesso Post-industriale Ex-Marmi di Pietrasanta. Le opere, appositamente concepite per l'occasione, presentano un approfondimento e conseguente superamento della tematica affrontata nell'ottobre scorso al MAC-Museo di Arte Contemporanea di Niteroi, a Rio de Janeiro, sulla vicenda dei desaparecidos.

A partire da questo tema, infatti, Coda Zabetta si addentra per la prima volta con una serie di lavori introspettivi, che non nascono da un fatto di cronaca.

I volti che saranno presenti a Pietrasanta sono come scudi, maschere di guardiani incorruttibili e protettori di una conoscenza che nasce da una riflessione sul passato e che genera nuova bellezza: come un passaggio tra memoria e futuro attraverso la speranza.

Lo scudo diviene così protettore e protetto, dove possiamo riconoscerci e riconquistarci. L'artista propone la gestualità della sua cifra stilistica come punto di partenza in difesa della singolarità dell'individuo contro la massificazione del mondo contemporaneo. Un gesto, dunque, che si fa non più distruttivo ma costruttivo.

Non si può tuttavia limitare l'idea del lavoro di Coda Zabetta a un mero linguaggio espressionista. C'è infatti una predominanza dei segni del pennello, della materia che rende la pittura "carne", e anche una vivida analogia con l'idea del sudario, dell'immagine impressa che rimane come ultima possibilità di permanere di un corpo.

E' questo dilemma tra materia e immagine che caratterizza le opere dell'artista: le pennellate non producono cicatrici, sono cicatrici che generano però consapevolezza e nuova forza.
 

Roberto Coda Zabetta
Scudo

Complesso Post-Industriale Ex-Marmi
Via Nazario Sauro, 52, Piterasanta (LU)
Dal 7 luglio all'8 agosto 2013
Orario: da martedì a domenica dalle 18.00 alle 24.00

 
Tag:  Roberto Coda Zabetta, Scudo, Complesso Post-Industriale Ex-Marmi, Pietrasanta, desaparecidos, maschere, tessuto, guardiani, sudario

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni