The Game- Business and manipulation Project economART

La nuova mostra presso lo spazio AMY D di Milano affronterà fino al 12 settembre il tema del videogioco, del ludico e dell'iperrealtà

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Oggi, 26 Giugno, presso la Galleria AMY D Arte Spazio aprirà The Game - Business and manipulation Project economART.

- Mi piace immaginare che dalla dismissione di una fabbrica nel suo ultimo giorno di vita venga concepita una NUOVA arma, fatta con materiali di scarto. La canna puntata aggressivamente sugli sviluppatori: sono loro, i programmatori, che agendo sulla linea di frontiera, decideranno i sogni e il futuro dei nostri figli. -

Questa è la visione del progetto in questione di Anna d'Ambrosio.
 

Il cambiamento antropologico che la nostra cultura sta attraversando, con il mondo informatico e telematico, genera mutamento non solo in ciò che facciamo ma anche nel nostro modo di pensare e nell'immagine che gli uomini hanno di se stessi. Con particolare riferimento alla psiche infantile, si riconfigura la macchina come "oggetto psicologico/transazionale".

The Game, di fatto, ci porta attraverso l'iperrealtà, il videogioco come medium procedurale caratterizzato da dinamiche di interazione e feedback in tempo reale, da regole e da un contesto.

Imitazione e desensibilizzazione, che portano i soggetti esposti a essere meno reattivi, alla narcotizzazione della realtà, ma anche all'aspetto video ludico, sono i punti di cui si occupano in mostra gli artisti Cecilia Borettaz, Constantine Zlatev, Massimiliano Camellini, Team BloodyMonkey, Team Santa Ragione, Wannabe-Studios, Team Indomitus Ganes e E-Ludo.

 
The Game - Business and Manipulation Project economART
AMY D Arte Spazio
Via Lovanio, 6 – Milano
Partners: Vittorio Schieroni, Laboratorio Alchemico, Jaqueline Ceresoli, Neoludica, Ivan Venturi
Dal 26 giugno al 12 settembre 2013

Tag:  The Game - Business and Manipulation Project economART, AMY D Arte Spazio, Milano, iperrealtà, videogioco, Anna d'Ambrosio

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni