Margaret Thatcher

Una donna da 28 uova alla settimana che ha cambiato il volto della Gran Bretagna

di Stefano Magni

Pubblicato giovedì, 29 aprile 2010

Rating: 1.6 Voti: 7
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Manca poco alle prossime elezioni in Gran Bretagna. Il candidato dei Tories, nella sua lunga campagna elettorale, cita presidenti americani quali John Kennedy o Lyndon Johnson. Ma dimentica la "madre" della sua generazione politica: Margaret Thatcher.
Chi ha più sentito parlare di lei?

Dopo 20 anni dalla fine del suo mandato di premier della Gran Bretagna, si aprono i suoi archivi segreti e si “scopre” il mistero della sua eccezionale forma fisica: 28 uova alla settimana nella sua dieta. Ma dobbiamo ricordarla solo per questi piccoli episodi di costume, da gossip del weekend? Pochi parlano male di lei, ormai: la maggioranza assoluta preferisce non parlarne affatto. Negli anni ’80, però, quando era premier (1979-1990) è stata maledetta dalla maggioranza assoluta dei professionisti della comunicazione, artisti e intellettuali. Non dalla maggioranza degli inglesi che l’ha sempre votata con consensi oceanici.
Stiamo parlando di una donna che è riuscita a scalare le vette del Partito Conservatore, un gruppo politico che, negli anni ’70, non vedeva affatto di buon occhio la partecipazione delle donne in politica, le cui elite erano riunite in club esclusivi, spesso aperti ai soli maschi, fin dall’età dell’università. Già riuscire a candidarsi premier e vincere le elezioni nel 1979, con le condizioni che vigevano allora, non è stata impresa da poco. Una volta al governo, la Thatcher, fu maledetta per la sua politica economica, basata su privatizzazioni e deregulation. Poi fu maledetta dai sindacati, per le masse di operai e minatori lasciati per strada dalla chiusura di vecchi impianti statali. La lotta contro di lei durò cinque anni. Ma si dimentica che dalla metà degli anni ’80 fino alla metà degli anni 2000, la Gran Bretagna ha conosciuto uno dei più prolungati periodi di espansione economica della sua storia.

Fu maledetta anche dai pacifisti, per la guerra delle Falkland nel 1982 (che le tirò contro anche gli strali del Vaticano, protettore dell’Argentina) e per l’installazione dei nuovi missili Cruise in territorio britannico nel 1983. Peccato che si dimentichi che le Isole Falkland, pur essendo dall’altra parte dell’Oceano Atlantico rispetto alla Gran Bretagna, erano abitate da cittadini inglesi e che non avevano alcuna intenzione di farsi annettere dalla dittatura argentina. La Thatcher non fece altro che difendere i suoi cittadini. E la popolazione britannica gliene è grata ancora adesso. Quanto ai missili, ormai gli storici concordano che la loro installazione contribuì al collasso dell’Unione Sovietica. La Gran Bretagna, assieme agli Usa, di fatto vinse una guerra mondiale senza sparare un colpo, senza versare una goccia di sangue.

Infine fu maledetta dagli altri governi europei, perché si oppose con tutte le forze alla trasformazione della Comunità Economica Europea in una Unione Europea, politica oltre che commerciale. Quella battaglia la perse. Ma quando compriamo qualcosa e vediamo che costa il doppio, dopo che è stato introdotto l’euro, dobbiamo ricordarci della Thatcher. E pensare che forse non aveva tutti i torti. 
Tag:  Thatcher, Cameron, Londra, Uova, Mercato

Commenti

02-09-2011 - 21:17:56 - anonimo
Ha avuto ragione lei
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni