Anime di tela - L’ibrido tra fotografia e pittura nell’opera di Hyena

Armoniosi corpi femminili affiorano sulle tele nella nuova mostra organizzata da LA CONTEMPORANEA Studio|Art Gallery di Torino

di Nicoletta Pecile

Pubblicato giovedì, 31 marzo 2011

Rating: 4.6 Voti: 8
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
ANIME DI TELA
Personale di Hyena

Inaugurazione: 9 Aprile 2011 alle ore18,30
Location: LA CONTEMPORANEA Studio l Art Gallery - Via della Rocca, 36/b – 10123 TORINO
Periodo: dal 9 aprile al 22 maggio 2011
Orari: feriali dalle ore 15,30 alle ore 19,30; domenica e festivi su appuntamento
Ingresso: gratuito
Organizzazione: La CONTEMPORANEA Studio l Art Gallery - ArteArchitetturaInteriorDesign
Info: + 39 011 0746769 - + 39 335 6233779 - info@lacontemporaneatorino.com - www.lacontemporaneatorino.com

OGGETTO:

Seconda mostra della stagione espositiva 2011 per LA CONTEMPORANEA Studio | Art GAllery che si accinge ad inaugurare ANIME DI TELA personale dell’emiliano Paolo Lasagni, noto con lo pseudonimo di HYENA.
Questa volta ci si allontana dai paesaggi urbani per celebrare la figura femminile grazie ad un’artista che sceglie l’armonia dei corpi come s-oggetto prediletto di studio e realizzazione. La scelta cade in quest’occasione su opere che rappresentano un perfetto ibrido tra fotografia e pittura in una rielaborazione assolutamente personale che fa delle realizzazioni di Hyena un interessante processo di costruzione e decostruzione dell’opera d’arte.

LA CONTEMPORANEA Studio | ArtGallery in sintonia con l’eleganza delle linee posturali e in accordo con l’originalità della tecnica di realizzazione, è così orgogliosa di presentare un concetto di bellezza ricercato, “lavorato” e percepito attraverso la grazia che lo rende assoluto.


ANIME DI TELA- Personale di HYENA

Con la mostra ANIME DI TELA, Hyena presenta 12 opere ottenute attraverso un processo artistico che fonde la fotografia al linguaggio pittorico al fine di realizzare una composizione che unisca il fascino di entrambi.
L’incipit è dato dallo scatto fotografico di cui si stampa l’anima del negativo su carta opaca, la quale verrà successivamente profanata con strappi, lacerazioni, accartocciamenti successivamente ricomposti su di un supporto di tela preziosa. Nella fase seguente si procede alla rinascita dell’immagine nella sua completezza, utilizzando processi e materiali tipici del restauro come la gomma lacca, le resine naturali e la colla di coniglio. Una volta restituitagli l’originale “unità”, sulla figura solcata dalle ferite inferte, Hyena interviene con la pittura servendosi di una vernice ad acqua bianca con cui realizza macchie, segni, colature, talvolta arricchendo lo sfondo con parti di testo che rappresentano un elemento ulteriore di questa raffinata sinfonia comunicativa.
Il risultato sono opere di intenso charme in cui si assapora l’emergere di un archetipo che tralascia le componenti superficiali per proporne l’anima originale espressa dal negativo di uno scatto. Un ideale armonico di femminilità epurato dell’aspetto più appariscente e di cui se ne percepisce l’essenza, come a voler riscoprire un denominatore comune di sensualità celebrato in tutta la sua avvenenza. Una nudità che non è richiamo, ma un evento onirico, posture e gesti come espressione di un ritorno al pudore che indica la strada verso una concezione più filosofica ed eterea della donna.
A completare l’esposizione una serie di opere in cui cambia il soggetto proposto – si tratta di alberi e radici – pur mantenendo lo stesso iter di realizzazione e dunque lo stesso feedback estetico: modernità associata al sapore amato e consunto dell’antico reperto.


A CURA DI: Cristiana PECILE (architetto, gallerista) - Marzia Altaira GRAZZINI (architetto, gallerista)
UFFICIO STAMPA: Nicoletta PECILE - tel. +39.011.0746769 +39.339.7496818 - n.pecile@lacontemporaneatorino.com


LEGGI ANCHE LA PRESENTAZIONE DELLA MOSTRA a cura di Nicoletta Pecile
Tag:  Anime di tela, Hyena, La Contemporanea, Torino fotografia, pittura, corpo femminile, nudità

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni