Il National Museum of Women in the Arts a MIArt 2015

Nella Sede di Fiera Milano City, dal 10 al 12 aprile, si potrà ammirare l'opera di Goldschmied&Chiari, artiste scelte dal Comitato Italiano del National Museum of Women e dal Museo del Novecento. L'iniziativa è organizzata da Nicoletta Rusconi Art Projects e Vhernier

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Dal 10 al 12 aprile si terrà a Milano la nuova edizione di MiArt. La sede è quella di Fiera Milano City, e tra gli espositori presenti quest'anno ci sarà un'Istituzione Internazionale impegnata nella tutela e nella promozione della creatività al femminile. Si tratta del National Museum of Women in the Arts (NMWA) che ha sede a Washington D.C.

Attraverso l'Associazione Italiana degli amici del NMWA ( nata nel 2004 vede come Presidente Vittorio Mosca), infatti, si terrà nel capoluogo lombardo il concorso Women to Watch 2015. L'iniziativa è organizzata da Nicoletta Rusconi Art Projects con il sostegno di Vhernier, il marchio italiano di alta gioielleria artigianale.

Ogni due anni il NMWA, nato nel 1987 dall'impegno di Wilhelmina Cole Holladay e del marito Wallace F. Holladay, e oggi vera istituzione, allestisce una mostra tematica che ospita artiste emergenti provenienti dai paesi in cui il museo è presente con comitati nazionali, che attraverso la stretta collaborazione con un'Istituzione pubblica propongono una rosa di cinque artiste, tra le quali una viene selezionata dai curatori del Museo. L’obiettivo è quello di stimolare una risposta critica verso i lavori di artiste promettenti e meritevoli di attenzione a livello internazionale.

Venendo perciò all'edizione di quest'anno, curata da Virginia Trenor, il titolo scelto è Organic Matters, e dà risalto al lavoro di artiste che partono dalla natura intesa nella sua più ampia accezione, come termine di riflessione su tematiche ambientali, sessualità o politiche di genere.

Il Comitato italiano NMWA ha scelto per l'occasione di lavorare con il Museo del Novecento di Milano, che ha candidato Gabriella Ciancimino, Amalia del Ponte, Cleo Fariselli, Laura Losi e  Goldschmied&Chiari. E infine, le rappresentanti scelte sono state proprio queste ultime (Sara Goldschimed ed Eleonora Chiari), che esporranno l'opera Nympheas#12 (2007, Lambda print): un'ironica e poetica rivisitazione dell'immaginario impressionistico di Claude Monet, che combina un registro aulico a uno più popolare.

In occasione della partecipazione del National Museum of Women in the Arts a MIArt 2015, il duo esporrà Medusa Mirrors (digital print on mirror), il risultato di una ricerca sul tema dello specchio come strumento d'illusione ispirata alle suggestioni del cinema realista.


National Museum of Women in the Arts
stand ST1

MiArt
10-12 aprile 2015

fieramilanocity
gate 5 pad. 3
viale Scarampo, Milano

Orari di apertura della fiera:
venerdì e sabato, 12.00 - 19.00
domenica, 11.00 - 19.00

Tag:  Miart 2015, National Museum of Women in the Arts, arte contemporanea, creatività femminile, Sara Goldschimed, Eleonora Chiari, Mirror, FieraMilanoCity

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni