Il design del XX secolo nel nuovo spazio espositivo Fragile

Un vernissage esclusivo inaugura la sede che ospiterà arredi, gioielli e ornamenti d’autore

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Quella proposta dal nuovo spazio espositivo Fragile, nel cuore di Milano, è una vera e propria rivoluzione all'insegna del design del Novecento: in via San Damiano 2 (angolo corso Monforte), infatti, nasce un nuovo contenitore espositivo che stravolge il concetto di showroom tradizionale e crea continui rimandi alle preziose opere in mostra.

I 200 metri quadri della nuova sede, progettati da Alessandro e Francesco Mendini, ospiteranno una vasta selezione di arredi, gioielli, pezzi d'illuminazione e ornamenti d'autore, frutto della creatività di alcuni celebri designer del ventesimo secolo: in esposizione, tra le altre, anche opere da collezione di Max Ingrand, Franci Albini, Gio Ponti, BBPR e Gino Sarfatti.

Niente colori neutri e ambienti minimalisti: il nuovo spazio espositivo è un mix esplosivo di forme, materiali e tonalità accese che si integrano perfettamente con i pezzi in mostra, fino a diventare luogo di idee e stile.

Domani, 12 dicembre, alle ore 19, lo spazio Fragile verrà presentato al pubblico con un vernissage esclusivo, accompagnato da un'edizione speciale di vini Antonutti, e in concomitanza con l'apertura verrà anche inaugurato il nuovo sito internet che offrirà un servizio integrato di e-commerce. Un evento imperdibile per tutti gli appassionati, i collezionisti e i professionisti dell'interior design.


FRAGILE
via San Damiano 2
20122 Milano
tel: 02/36561161
Tag:  Fragile, Milano, design, spazio espositivo, vernissage

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni