La forza delle parole, la forza della bellezza

Uno spot pubblicitario contestato diventa messaggio antimafia

di Sabrina Minetti

Pubblicato mercoledì, 19 marzo 2014

Rating: 5.0 Voti: 9
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Nel dicembre 2013 l’azienda Glassing lancia uno spot che utilizza le celebri parole sulla bellezza di Peppino Impastato, attivista siciliano ucciso dalla mafia per il suo impegno civile nel nome della legalità.

Si trattava di uno spot istituzionale, in cui i prodotti della Glassing, occhiali da sole, non erano il focus del video e nel quale il marchio dell’azienda appariva solo in chiusura. 

Un’idea del creativo Pasquale Diaferia per comunicare valori di impegno civile e di “estetica” del vivere nel senso più ampio del termine, in cui l’azienda si riconosce.

Tuttavia, all’uscita dello spot le associazioni che combattono quotidianamente la criminalità organizzata si indignano, l’opinione pubblica insorge, parte una raccolta firme su Change.org per chiedere il ritiro dello spot.

Poteva finire a battaglia legale, i toni avrebbero potuto inasprirsi in conflitto. Massimiliano Comparin, scrittore, drammaturgo, pubblicitario, uno che con le parole ci lavora e che alle parole dà importanza, e che ha particolarmente a cuore la figura di Peppino Impastato, ha fatto incontrare Pasquale Diaferia, autore dello spot, e Giovanni Impastato, fratello del compianto Peppino.

Un incontro pubblico, a Cinisi, nella casa confiscata a Badalamenti, con la presenza delle principali realtà che lottano contro la mafia, per confrontarsi su un tema importante: come si può parlare dei valori della lotta alle mafie?

Il risultato? Lo spot contestato è diventato uno spot antimafia.

Le parole di Peppino Impastato continueranno a volare. Perché le parole scritte bene non perdono mai la loro forza della loro bellezza.

Per vedere il video contestato, ora spot contro le mafie, clicca qui.

 
Tag:  Mafia, Peppino Impastato, Cinisi, Massimiliano Comparin, Pasquale Diaferia

Commenti

21-03-2014 - 09:22:36 - Gigi
Super!!!
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni