Armi e bagagli

Quando le donne fanno da sé, fanno per tre: ecco cosa succede al Sud

di Valentina Paternoster

Pubblicato giovedì, 29 aprile 2010

Rating: 4.0 Voti: 5
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci

Gli ultimi dati Istat sull’occupazione femminile recitano: negli ultimi sedici anni le occupate sono aumentate in media di centomila unità all’anno, di cui però solo tredicimilaseicento al sud.

Ciò parrebbe significare che nel Mezzogiorno le donne lavorano poco. Ma è vero?

Quest’ultimo dato divulgato a febbraio 2010 cozza con un altro elaborato dalla ricerca del novembre 2009 voluta da Censis e dalla Confcommercio: le imprese rosa al sud sono in netto aumento e superano in assoluto di circa il 50% i medesimi dati relativi alle regioni del nord.

In particolare: su un totale di 1,43 milioni di imprese create e governate da donne, il 26% si trova al sud, il 24% al centro, il 22% nel nord-ovest, il 21% nel nord-est. Le regioni che spiccano sono: la Basilicata, il Molise e l’Abruzzo, con un tasso di imprenditorialità femminile pari rispettivamente a 28%, 31%, 27,7%.

Possiamo ancora affermare che le donne del sud lavorano poco? O è meglio dire che azioni, quali sgravi fiscali alle aziende che assumono donne, non funzionano? E ancora: quante donne sono assorbite dal lavoro nero, e sono perciò senza diritti e senza tutele?

I dati parlano chiaro: le donne fanno da sé là dove le difficoltà e il tradizionalismo patriarcale sono più forti, sfruttando anche il meccanismo di incentivi, prestiti, contributi a fondo perduto messo in atto da tutte le regioni italiane.

Un apporto significativo lo stanno dando anche le imprenditrici immigrate: negli ultimi cinque anni sono cresciute di oltre il 40% e ad oggi sono circa centomila. Poche ancora, ma sono la dimostrazione di una forma nuova di integrazione: aprire un’attività imprenditoriale denota una forte voglia di fare parte della comunità di accoglienza e di essere portavoci di un bisogno di questa nuova classe sociale che contribuisce con il proprio lavoro alla ricchezza nazionale.


Tag:  imprenditoria femminile, lavoro, donne, Mezzogiorno

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni