Cindarella Wedding Planner. Organizzare matrimoni a Milano e non solo

Sonia e Chiara hanno realizzato il loro sogno e sono diventate Wedding Planners

di Silvia Menini

Pubblicato venerdì, 17 giugno 2011

Rating: 4.5 Voti: 30
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Negli Stati Uniti il wedding planning è un’attività che da tempo si dimostra fondamentale per l’organizzazione di matrimoni. In Italia, invece, tale figura professionale ha iniziato a svilupparsi - in maniera più lenta ma pur sempre decisiva - soprattutto grazie all’evolversi del ruolo professionale della donna nel mondo del lavoro e di una conseguente diminuzione di tempo.
Sonia e Chiara, due giovanissime imprenditrici, hanno deciso di fare del wedding planning la loro attività e hanno risposto ad alcune nostre domande, svelandoci quali sono al giorno d’oggi gli aspetti più significativi di questo lavoro e del percorso imprenditoriale - tutto in rosa - che hanno appena intrapreso.
 

Sonia e Chiara: presentatevi in poche righe.
Siamo due giovani wedding planners milanesi, due care amiche decise a fare della loro passione una professione.
Cindarella wedding planner nasce con l'obiettivo di aiutare i futuri sposi ad organizzare il loro matrimonio, dandogli la possibilità di scegliere ogni piccolo dettaglio, non lasciando nulla al caso.

Cindarella Wedding Planner a chi si rivolge e quali servizi offre?
Cindarella W.P.si rivolge a tutte le coppie che hanno il desiderio di sposarsi, non solo in Italia ma anche all’estero, offrendo servizi esclusivi e personalizzati .
Partendo da un primo incontro conoscitivo ci occupiamo di ideare e progettare insieme l’organizzazione del “giorno perfetto” in tutte le sue sfumature.
Il nostro obiettivo principale è quello di far diventare realtà il sogno degli sposi, creando un evento fatto su misura, che rispecchi il loro gusto personale, unito a un tocco di creatività.
Ci occuperemo quindi di trovare le migliori soluzioni lasciando gli sposi liberi di godersi l'attesa dell'evento.
La nostra missione è quella di garantire ai nostri clienti i migliori servizi, accompagnandoli passo dopo passo verso il giorno tanto atteso, con la disponibilità e la tranquillità che si addice a questo momento magico.

 Cos’è che vi contraddistingue rispetto alla concorrenza?
Essendo molto più giovani rispetto alla concorrenza riusciamo a essere più aggiornate sulle nuove mode e tendenze in tutti i settori.
Appartenere alla nuova generazione ci ha dato sicuramente una marcia in più, riuscendo a essere più vicine alle esigenze delle giovani coppie.
Un altro dei nostri pregi è sicuramente la gestione del budget che viene ottimizzato in modo da soddisfare qualsiasi esigenza.

 Come è nata la passione per l’organizzazione di matrimoni? E da cosa è poi derivata l’idea imprenditoriale?
C: Sin dalla primissima cerimonia alla quale ho partecipato come damigella, sono sempre rimasta affascinata dalla magia che si respira in quei momenti.
La cura dei preparativi mi ha sempre appassionata e così ho deciso di approfondire lo studio legato agli aspetti decorativi della cerimonia.
Anche l’esperienza da scenografa ha giocato un ruolo fondamentale nella mia professione attuale, che svolgo con grande entusiasmo e creatività.

S: Chi non ha mai sognato il suo matrimonio? Chi non si è mai emozionata guardando il matrimonio di un'amica... beh, questo è stato solo l'inizio della mia passione. Finita la scuola, ho iniziato a lavorare come impiegata, ma non mi sono mai sentita soddisfatta. Lo facevo perchè, come si dice, il posto fisso al giorno d'oggi è importante, il lavoro da dipendente ti dà delle sicurezze e ti permette di fare progetti più velocemente, ma non è detto che ti faccia raggiungere la felicità.
Ho sempre avuto il bisogno di muovermi, osservare, creare e inventare.
Il mio fidanzato lo ripeteva in continuazione: "Curi sempre ogni piccolo dettaglio in modo quasi maniacale , non ti fai mai sfuggire nulla in qualsiasi occasione, che sia nel vestire piuttosto che nell'apparecchiare una tavola".
Alla fine mi sono convinta, ho deciso che avrei voluto fare un lavoro che mi desse modo di esprimere tutta la mia creatività, e il mio spirito organizzaivo.
Quale cosa migliore di organizzare il giorno più importante della vita di una coppia?
Nel momento in cui mi sono accorta di poter realizzare il mio sogno, mi sono licenziata dal mio vecchio lavoro e ho cominciato a frequentare un corso di wedding and event designer durante il quale ho capito di cosa volevo occuparmi nella vita. Creatività, estro, ingegno, ma anche tanta professionalità!

Secondo voi l’attività di Wedding Planning si sta diffondendo anche in Italia o qui si riscontrano ancora delle differenze e, di conseguenza, delle difficoltà nel proporsi?
La professione di wedding planner si sta affermando e inizia a farsi apprezzare anche in Italia che, però, è risaputo essere sempre poco ricettiva alle novità, a differenza di altri paesi dove è considerata una consulenza indispensabile alla quale non si può proprio rinunciare!
In una società frenetica nella quale si va sempre di fretta e si ha sempre meno tempo, diventa necessario potersi affidare ad un prezioso supporto con persone che penseranno a prendersi cura della parte più impegnativa nell’organizzazione del proprio matrimonio.
Nei rapporti con i nostri clienti non abbiamo mai avuto grandi difficoltà fino ad oggi.. solitamente quando un cliente si affida a noi si lascia trasportare dall’entusiasmo e dalla positività che trasmettiamo.

Cosa vuol dire essere giovane imprenditrice oggi?
Essere giovani imprenditrici significa avere tante idee in testa da voler realizzare con le proprie forze, avendo quel pizzico di ambizione  e determinazione che ti porta a fare le scelte giuste.
Se hai un sogno nel cassetto da realizzare devi farti trasportare dall' entusiasmo che ti spinge ad investire tutte le tue energie al fine di raggiungere il tuo obbiettivo. Giorno dopo giorno impari che lavorare con passione ti apre mente e cuore.

Quali sono le maggiori difficoltà?
Essendo ragazze giovani non è stato facile farsi strada nel mondo imprenditoriale, soprattutto quando, a fronte di grandi investimenti , non si dispone di un cospicuo budget.
Quindi abbiamo dovuto puntare tutto sulle nostre capacità e quando finalmente cominciammo ad assaporare le prime soddisfazioni oramai ci avevamo preso gusto.
Ora possiamo contare l'una sull’altra e, stando in prima linea, mettiamo in gioco tutte noi stesse e questa è la cosa che ci dà maggiori soddisfazioni ripagandoci del nostro impegno.

 
Tag:  Cindarella Wedding Planner, matrimonio, Milano, imprenditoria femminile

Commenti

17-06-2011 - 15:40:45 - mario
a quando la linea di business: divorce planning?
18-06-2011 - 11:07:19 - Sy
Ci stavo pensando proprio ieri...ma ho concluso dicendo che bisognerebbe avere una laurea in legge....Mi candido.
18-06-2011 - 19:51:44 - luca v.
cara Sy comunque come esiste http://www.ilmiomatrimonio.com/ non poteva non esistere pure http://www.separazione-divorzio.com che ha molti piu accessi del primo
19-06-2011 - 10:43:33 - Sy
Luca V. me la sono messa come Home Page :-)
19-06-2011 - 13:27:10 - Luca V.
Cara Sy, mossa astutissima, non si sa mai ti scappa di dover sapere che tipo di mantenimento potresti rimediare in caso di ciao
19-06-2011 - 19:29:18 - Sy
A dir la verità lo scopo è più: che tipo di fregatura aspettarmi. Sai com'è....
23-06-2011 - 09:13:09 - vale
a me invece sembra davvero carino che ci sia ancora qualcuno che ci possa aiutare a rendere il giorno più bello ancora migliore...e faccio un grande in bocca al lupo a queste due giovani ragazze!!!!
23-06-2011 - 22:35:32 - dany
complimenti ragazze!! carino il blog e il sito è davvero elegante! avete avuto una bellissima idea! un in bocca al lupo x il futuro!
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni