In Italia l'Agriturismo è donna

Agriturismo.it rivela che il 62% degli agriturismi italiani è gestito da donne. E il futuro si prospetta sempre più in rosa!

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Da più di trent’anni si è avviato il processo di femminilizzazione del mercato del lavoro che ha visto cambiare, sebbene in modo molto lento, il ruolo della donna al di fuori di famiglia e società (dove non ha mai abbandonato il primato indiscusso).
 
Ma la strada da percorrere è ancora lunga e piena di ostacoli! A tal proposito i dati parlano chiaro: difficoltà ad avere un’occupazione e per chi l’ha conquistata a fatica, il maggior problema diventa proseguire la scalata gerarchica, con stipendi che tendono comunque a essere sempre inferiori rispetto a quelli dei cari amici maschietti. Quindi che fare? Semplice: si diventa imprenditrici, dedicandosi a un progetto dove si è padrone di se stesse. In questo modo non è più necessario rendere conto a qualcuno delle proprie intenzioni in fatto di figli o quant’altro, questioni che, seppure severamente vietato dalla legge, in un modo o nell’altro vengono spesso tirate in ballo durante i colloqui, con molta (troppa) nonchalance.
E le imprenditrici hanno successo! In Italia il 30% del totale delle imprese sono di proprietà di donne, grazie anche alle loro capacità di organizzazione, multitasking, precisione e senso pratico che le caratterizza per naturale attitudine.  
 
Un esempio?
Agriturismo.it, sito leader nel settore, rivela che il 62% delle 19.000 aziende agricole autorizzate all’esercizio dell’agriturismo (per chi non è veloce con la matematica parliamo di quasi 12.000 agriturismi) è gestito da donne e che il futuro è ancor più promettente, garantendoci lo scettro di presenza nella conduzione degli stessi. Nonostante la crisi, nonostante “siamo donne programmate alla procreazione”, le aziende agrituristiche intestate a noi sono sempre più in aumento: ad oggi il 39% contro il 35%, in base a dati Istat 2009.
 
Ma quali sono le ragioni che portano le donne a optare per una scelta del genere?
Il 31% è spinta dal desiderio di vivere nella natura, mentre il 42% concorda sulla necessità di integrare i proventi agricoli.
E di cosa si occupano esattamente tali imprenditrici? La risposta è semplice: praticamente di ogni cosa!
Sono le regine della cucina (85%) (col nostro senso innato per le prelibatezze), dell’accoglienza (83%) (che si sa, cordiali e gentili come noi non c’è nessuno) e per non lasciarsi sfuggire proprio nulla, eccole addette alle pulizie (96%) anche se, credo, ne farebbero volentieri a meno. Ma le mansioni non finiscono qui, estendendosi anche ad attività di più ampio spettro: il 71% è a capo della gestione dello staff,  il 72% della programmazione delle prenotazioni, il 69% in quella di attività ricreative e corsi, mentre il 64% si dedica anche a marketing e promozione.
 
E agli uomini cosa rimane?
Le attività agricole e di allevamento. Come dire: a ognuno il suo!
Del resto, anche in questo caso, i dati dimostrano in maniera chiara e lampante che la capacità delle donne di innovare, promuovere, gestire e coordinare, oltre che di sviluppare l’azienda, è fonte di successo.
 
Non resta che domandarci: sono pure felici? Il 94% si ritiene soddisfatta a livello personale, ma solamente il 44% anche a livello economico.
 
Va be’, piccolo compromesso per aver avuto, almeno, la soddisfazione di trovare il proprio spazio esprimendo al meglio le proprie doti e l’innata attitudine imprenditoriale tipicamente femminile.

Tag:  Agriturismo.it, donne, imprenditrici, multitasking, natura

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni